Politica Uncategorized

Cinque stelle sull’orlo della crisi

M5S, crisi
Cinque stelle sull'orlo della crisi

Il Movimento cinque stelle potrebbe essere alle sue ultime battute tra flop elettorali, uno scandalo di corruzione e una crisi di identità che rischia di lacerarlo, dicono gli esperti.

Nell’ultimo colpo, M5S ha portato a casa solo il 20% dei voti nelle elezioni regionali di domenica in Basilicata, nel sud dell’Italia, meno della metà di ciò che ha ottenuto nelle elezioni generali del marzo 2018.

“Ciò che mi sorprende non è il declino, ma il fatto che sia arrivato così tardi”, detto Piergiorgio Corbetta, professore di sociologia all’Università di Bologna. “La loro crescita era inaspettata, la loro caduta era inevitabile.”, aggiunto “Un movimento che brandisce la grande idea utopica di una lotta contro tutte le forme di élite, cambia necessariamente i suoi punti quando diventa elite stessa – e che allontana alcuni dei suoi elettori”

Le sue promesse elettorali sono in gran parte cadute sul ciglio della strada quando la Lega sempre più popolare chiama i colpi. Avendo inveito contro la disonestà all’interno dei partiti tradizionali, M5S ha scoperto che la sua più grande vittoria – prendendo il controllo di Roma – sta dimostrando di essere il suo più grande mal di testa.

Diversi esponenti di spicco nell’ufficio del sindaco di Roma sono stati o sono attualmente sotto inchiesta e il capo dell’assemblea del consiglio comunale è stato arrestato la settimana scorsa con l’accusa di corruzione.

A livello nazionale, un numero crescente di parlamentari non esita più a votare contro il leader Luigi Di Maio e le sue politiche. Il 32enne è riluttante ad espellere i ribelli, tuttavia, secondo la senatrice del M5S dissidente Elena Fattori.

Questo potrebbe essere l’ultimo colpo – se il M5S dovesse comportare male nei sondaggi del Parlamento europeo, potrebbe persuadere l’ambizioso leader della Lega, Matteo Salvini, che i tempi sono maturi per lasciare la coalizione e forzare una nuova elezione generale.

Tags