Cultura Uncategorized

credi nell’oroscopo?

credi nell'oroscopo?

Mentre alcuni siti di oroscopi possono promettere previsioni basate sul “movimento” delle stelle, è importante ricordare che è la Terra che si muove, non le stelle.

Il motivo per cui le stelle sembrano muoversi, sia durante la notte che nel corso dell’anno, è perché la Terra ruota attorno al proprio asse e orbita attorno al Sole. Ma, prima che la maggior parte degli umani lo sapessero, passarono molto tempo a pensare a quello che stava accadendo lassù nel cielo.

Quindi, sebbene l’astrologia – alla ricerca di risposte, segni e predizioni nei movimenti dei corpi celesti – non sia essa stessa una scienza, c’è una lunga storia di umani che guardano le stelle per pianificare le loro vite.

Esattamente chi ha inventato questo modo di pensare e quando non è chiaro, ma gli storici e gli astronomi sanno un po ‘di come è diventato così popolare oggi.

Fu durante quel periodo della Grecia antica che i 12 segni zodiacali dello zodiaco con cui molte persone sono probabilmente familiari oggi venivano calati. Questi segni zodiacali occidentali o tropicali prendevano il nome da costellazioni e si accordavano con le date basate sull’apparente relazione tra la loro collocazione nel cielo e il sole.

Qual è la differenza tra astrologia e astronomia?

Per secoli, l’astrologia (alla ricerca di segni basati sul movimento dei corpi celesti) era considerata fondamentalmente la stessa cosa dell’astronomia (lo studio scientifico di quegli oggetti).

Una volta Sir Isaac Newton trasformò il cielo in una calcolatrice, matemizzando il moto dei pianeti e rendendosi conto che la gravità controllava tutto, “ciò ha iniziato un nuovo approccio scientifico per guardare il cielo e il moto dei pianeti e della terra.” Dice l’astronomo Sten Odenwald, il direttore di Citizen Science presso il NASA.

Questo è il punto in cui l’astronomia divenne nota come scienza e l’astrologia fu riconosciuta come non una scienza. Ma la sua popolarità dipende da fattori che i numeri non possono calcolare, e il fascino di guardare alle stelle per le risposte non è diminuito – infatti, negli ultimi anni, sembra essersi esteso.

E Odenwald sostiene che, anche se le risposte dell’astrologia non sono basate su studi scientifici, la ragione per cui le persone continuano a rivolgersi al cielo si riduce a qualcosa di molto reale – un fenomeno psicologico che chiama la tendenza umana a “auto-selezione”, la ricerca per interpretazioni che corrispondono a ciò che speriamo di essere vero.