Cultura Societa

I fini della visita del Papa alla Penisola arabica.

“Questo fine settimana, uno storico incontro di fede si svolge ad Abu Dhabi. È così che combattiamo l’estremismo e promuoviamo la tolleranza.” Dichiara Yousef Al Otaiba ambasciatore degli Emirati Arabi negli Stati Uniti.

 

Nel 1960, due medici missionari americani entrarono nel profondo deserto della penisola arabica per fondare un ospedale in un edificio di blocchi di fango con pavimenti di terra battuta e una tettoia di palme. Per i beduini che vivevano lì e praticavano l’Islam, sarebbe stata la loro prima esperienza con la medicina moderna e il loro primo contatto con il cristianesimo. Nei dieci anni successivi , con l’incoraggiamento e il sostegno dei leader tribali locali, l’equipe medica marito-moglie fece crescere l’ospedale , salvando molte vite e cementato un’eredità duratura di rispetto e ammirazione tra cristiani e musulmani in quello che in seguito sarebbero  diventati gli Emirati Arabi Uniti.
Questa settimana, quell’eredità sarà onorata quando papa Francesco si recherà nella penisola arabica, la prima di queste visite per qualsiasi pontefice. Celebrerà la messa ad Abu Dhabi con 120.000 degli oltre 1 milione di cattolici che vivono negli Emirati Arabi, e visiterà la cattedrale cattolica locale aperta nel 1965 su una terra donata dal governo.

 

La visita del Papa invierà un segnale forte in tutta la regione e nel mondo: persone con credenze diverse possono convivere pacificamente insieme. La riverenza, il rispetto e la compassione sono valori comuni fondamentali. Ma non tutti accoglieranno o abbracceranno il messaggio.
In tutto il Medio Oriente, affrontiamo la minaccia dell’estremismo. Le interpretazioni radicali dell’Islam rappresentano una piccola minoranza di coloro che praticano la fede in modo scorretto . Ma spesso le voci più acute gridano più forte, che si tratti di TV, di Internet o di una moschea. Torcono e oscurano il fatto che l’Islam è una religione di pace. Come un articolo di Dabiq, la rivista in lingua inglese del cosiddetto Stato Islamico, dichiarò ai suoi lettori laici: “Noi ti odiamo, prima di tutto, perché non sei miscredente; respingi l’unicità di Allah – che te ne accorga o meno. “
Queste voci estreme cercano di incitare i seguaci impazziti a fare i loro ordini. Danno vita a terroristi come quelli che compiono atti odiosi e violenti contro le minoranze religiose ed etniche. Le chiese copte cristiane sono attaccate in Egitto. La patria Yazidi è distrutta in Iraq. Il museo ebraico è bombardato a Bruxelles. E, fatalmente, sono i musulmani – sunniti e sciiti – a pagare il prezzo più pesante di tutti dai fondamentalisti assassini venendo scambiati per radicalisti quando in realtà l’islam é una religione pacifica.
Ignorare la minaccia o essere compiacente è troppo pericoloso e alimenterà solo il ciclo di violenza settaria che ha attanagliato la regione per più di una generazione. Anche la rimozione degli estremisti con la forza non è la risposta finché l’ideologia avvelenata e le condizioni che la alimentano sopravvivono.
Quindi, come possiamo interrompere questo ciclo? Come possiamo incoraggiare le persone ad accettare, non demonizzare, “l’altro”?
La visita del Papa questa settimana evidenzierà un approccio vicino al centro del mondo musulmano. Oggi gli Emirati Arabi Uniti ospitano 200 diverse nazionalità, oltre 40 chiese e circa 700 ministeri cristiani. I templi sikh e buddisti accolgono le congregazioni multinazionali. L’anno scorso, il primo ministro indiano Narendra Modi ha aperto un nuovo tempio indù. I ministeri cristiani evangelici abbondano nel paese. La comunità ebraica è vivace e in crescita.
Oltre a garantire un ambiente aperto per la pratica religiosa a casa, gli Emirati Arabi Uniti sostengono anche la libertà di culto e lo scambio interreligioso a livello globale.

Durante la sua visita, Papa Francesco parteciperà a un forum interreligioso con il Consiglio musulmano e altri leader religiosi. E incontrerà Ahmed el-Tayeb l’esponente del sunnismo in Egitto e il grande imam del Cairo Al-Azhar, la principale istituzione religiosa sunnita dell’Islam.
La scorsa estate, una delegazione di funzionari del governo degli Emirati e leader religiosi con base negli Emirati Arabi Uniti, che rappresentano Islam, Cristianesimo e Sikhismo, hanno partecipato al ministero degli Stati Uniti per l’avanzamento della libertà religiosa a Washington, DC. A dicembre, gli EAU hanno ospitato il quinto forum annuale per la promozione della pace nelle società musulmane, una conferenza globale per promuovere il dialogo interreligioso e respingere lo sfruttamento della religione per conflitti e guerre.
Queste idee e principi di rispetto reciproco e tolleranza genuina dovrebbero essere universali. La fede e le convinzioni sono strumenti di bene per scopi nobili – non la pretesa di morte e distruzione. Le voci di moderazione e accettazione devono essere revocate a quelle di divisione e odio.
Purtroppo le religioni oggi stanno diventando una faglia infida che divide la regione. Ma la vera fede di musulmani, cristiani ed ebrei non ha mai riguardato l’odio o il fanatismo. Non c’è scontro di civiltà o idee . Sessant’anni fa, nel profondo del deserto, i medici missionari e gli abitanti dei villaggi beduini costruirono un ponte tra due fedi con atti di gentilezza e comprensione. Possiamo rifarlo. Questo fine settimana, Papa Francesco e il Grande Imam uniranno le loro voci in preghiere e omelie ai miliardi di cattolici e musulmani di tutto il mondo.

Tags