Politica Salute

La legge sui vaccini ritorna in vigore in Italia, eccettuando 300 bambini dall’asilo

asilo, ministero della salute
legge sui vaccini ritorna in vigore in Italia, eccettuando 300 bambini dall'asilo

Circa 300 bambini a Bologna, questa settimana non hanno potuto frequentare l’asilo perché una misura temporanea che allentava i requisiti di vaccinazione è scaduta e una precedente legge più severa è tornata in vigore. Anche decine di altri bambini in tutta Italia sarebbero stati colpiti, ha detto Mario Rusconi, presidente dell’Associazione degli insegnanti e degli alti dirigenti del Lazio. Nel 2017, Una legge ha reso 10 vaccini obbligatori per i bambini che si iscrivevano nelle scuole italiane, una risposta a un preoccupante declino delle vaccinazioni a livello nazionale e un focolaio di morbillo quello stesso anno.

Ma l’anno scorso, il Ministero della Sanità, guidato da un membro del Movimento delle cinque stelle, ha adottato una misura temporanea per consentire ai bambini di rimanere a scuola finché i loro genitori hanno attestato che erano stati vaccinati. Non era necessario un appunto medico. Tale misura è scaduta il 10 marzo e la legge del 2017 si applica di nuovo.

I bambini non possono frequentare gli asili nido a meno che non siano vaccinati e i genitori di alunni delle scuole elementari e medie rischiano multe fino a 500 euro se non hanno note di dottore che mostrano che i loro bambini sono stati vaccinati contro le malattie richieste. A Bologna, i funzionari hanno detto che i 300 bambini non hanno presentato il documento ufficiale attestante la loro vaccinazione lunedì, e quindi non hanno potuto frequentare le scuole materne pubbliche.

Il New York Times ha riportato che Il governo italiano sta lavorando ad una legge per introdurre un “obbligo flessibile”, che richiederebbe ai bambini di farsi vaccinare solo se mancasse la cosiddetta immunità della mandria, una percentuale sufficientemente alta di individui immuni dalla malattia a causa della vaccinazione.