Altro Finanza

L’Italia sta per condurre una nuova costruzione di stoccaggio del gas sotterraneo fino al 2023

Italia, gas
L'Italia sta per condurre una nuova costruzione di stoccaggio del gas sotterraneo fino al 2023

Si prevede che l’Italia costruirà 14 nuovi siti sotterranei di stoccaggio del gas, che vedranno il suo contributo per il 35% della capacità europea di questo tipo entro il 2023.

Questa è la previsione della società di dati e analisi GlobalData, che suggerisce che la nazione installerà circa 249 miliardi di metri cubi di capacità di stoccaggio di gas sotterraneo prima di questa data.

L’Europa nel suo complesso dovrebbe avere una capacità totale di gas di 716 miliardi di metri cubi nel 2023, grazie a 49 siti di stoccaggio del gas sotterranei pianificati e annunciati da costruire durante il periodo di previsione.

Il Regno Unito aggiungerà circa 127 milioni di metri cubi di questo, rendendolo il secondo maggior contributore al nuovo stoccaggio sotterraneo di gas nel continente, che sarà distribuito su nove nuovi siti tra i prossimi quattro anni.

Il più grande sito di stoccaggio pianificato sarà lo stabilimento di Cornegliano in Italia con 83 miliardi di metri cubi, seguito dal sito di Golianovo in Slovacchia e dal sito Gateway nel Regno Unito con una capacità di 53 miliardi di metri ciascuno.

Ashwin Gupta, Oil & Gas Analyst di GlobalData, ha dichiarato: “L’Italia sta aggiungendo nuovi siti sotterranei per lo stoccaggio di gas per garantire la fornitura di gas ininterrotta durante l’alta stagione invernale.

Il paese sta anche progettando di ridurre le emissioni di carbonio costruendo più centrali elettriche a gas naturale, il che richiederà la costruzione di nuovi siti di stoccaggio sotterranei “.