Societa

L’Universtà della California ha detto agli studenti di non usare WeChat e Whatsapp in Cina

Gli studenti della facoltà dell’Università della California sono stati avvertiti di non usare
messaging apps e i social media durante le visite in Cina, per paura che le loro
conversazioni possano essere usate contro di loro dalle agenzie governative locali.
Tutto ciò è venuto fuori a seguito dell’arresto il 1 dicembre dell’executive Huawei Meng
Wanzhou da parte delle autorità Americane.
La Meng, che è stata trattenuta a Vancouver ed è al momento rilasciata su cauzione,
potrebbe essere estradata negli Stati Uniti per possible violazione delle sanzioni USA
contro l’Iran.
Sin da questo arresto, molti Canadesi sono stati arrestati in Cina e due – Michael Spavor
e Michael Kovrig – sono sotto indagine per ‘azioni che mettono in pericolo la sicurezza
nazionale Cinese’, accuse che per molti sono solo un pretesto politico.
Le indicazioni dell’Univesità sembrano riferirsi anche al caso di Paul Whelan, un
cittadino Americano arrestato in Russia il mese scorso per sospetto spionaggio.
‘Anche se l’uso di WhatsApp e WeChat è legale in Cina, abbiamo constatato che
l’accusa di spionaggio di un cittadino Americano in Russia è stata fatta citando
WhatsApp fra le accuse.’ si legge in una email alla CNN.
‘Siamo preoccupati che la Cina possa fare lo stesso contro i viaggiatori occidental o
come scusa per rifiutare l’uscita dalla nazione. Raccomandiamo di non usare le
messaging apps in Cina per il momento’.
I rappresentanti di WeChat e WhatsApp non hanno ancora dichiarato nulla.
Un portavoce per la UC Davis ha confermato che lo staff e gli studenti del campus
hanno ricevuto l’email, dopo che la news fosse riportata dal South China Morning Post.
Anche gli studenti alla UC Berkeley hanno ricevuto la email.
‘La UC Davis Global Affairs posta sempre dei link allo State Department travel advisory
e CDC (Centers for Disease Control) a riguardo delle nazioni dove i nostri studenti si
recano spesso’ ha detto il portavoce alla CNN.
L’email è stata mandata da Gary Leonard, un executive director dello UC Risk Service
Department. Leonard, che sta viaggiando, non ha ancora risposto alla richiesta di un
commento a riguardo.
Claire Doan, direttore delle relazioni media per l’UC Office of the President, ha detto
alla CNN che il Risk Service Department ‘si fida delle indicazioni da WorldAware (una
compagnia di management per rischio e sicurezza) per la gestione del rischio nei nostri
campus e centri medici’.
‘Abbiamo inviato le email a seguito dell’avviso fatto recentemente dal nostro

Dipartimento di Stato a riguardo della Cina; deve essere preso in considerazione dallo
staff che assicura i viaggi della nostra comunità’ ha aggiunto.
Il consultivo di governo, che ha dichiarato che il livello di minaccia è a 2 su una scala di
4, ha detto agli Americani di ‘fare molta attenzione in Cina a causa di una
implementazione arbitraria della legge locale oltre a delle restrizioni speciali per coloro
che hanno la doppia cittadinanza Americana-Cinese’.
‘NON FIRMATE NULLA’
La Cina ha sempre avuto una relazione difficile con gli studenti stranieri.
Mentre circa mezzo milione di studenti stranieri vive nella nazione, e numerose
istituzioni prestigiose occidentali sono partner di università in Cina – inclusa la New
York University, Duke University e la University of Liverpool – spesso gli studenti
stranieri vengono trattati con sospetto.
Nel 2016, un poster propagandistico rilasciato come parte della Giornata della
Sicurezza Nazionale ha avvertito i cittadini Cinesi che ‘stranieri dalla bella presenza
potrebbero cercare di rubare delle informazioni sensibili’.
Il poster in stile fumetto mostrava una donna di nome Xiao Li mentre veniva riempita di
complimenti, rose, inviti a cena e passeggiate romantiche al parco con David, un
‘visitatore in Cina per ricerche’ che la persuade a condividere dei documenti interni al
governo.
Oltre all’avvertimento di ‘non firmare nulla’, la nuova indicazione della UC dice allo staff
di ‘essere cauti quando vi fanno delle domande per evitare di dare inavvertitamente
delle informazioni che potrebbero essere distorte per negarvi la partenza e facilitare
l’arresto’.
In passato, le preoccupazioni erano concentrate di più sulle dichiarazioni pubbliche alle
autorità, ma le nuove indicazioni suggeriscono che c’è preoccupazione anche per i
commenti privati, che potrebbero essere usati contri gli studenti.
‘Nuovo livello di soppressione’
Le preoccupazioni della UC sembrerebbero legittime. La Cina sta cominciando a
sopprimere quello che in passato era il dissenso tollerato, e anche i commenti privati
sono sotto controllo della polizia.
Nei mesi recenti, le autorità hanno ‘arrestato o convocato dozzine di utenti Twitter
Cinesi, costringendoli a cancellare dei tweet o a chiudere i loro account’ secondo la
Human Reserve Watch (HRW). ‘In alcuni casi, sembra che le autorità abbiano hackerato
loro stesse gli account’.
Twitter è bloccato in Cina e mentre un piccolo numero di dissidenti Cinesi e attivisti
usano la piattaforma, la loro influenza è limitata e in passato erano ignorati dale
autorità.
Mentre i tweet sono pubblici, le autorità Cinesi hanno in passato perseguito persone

per fatti privati, in particolare per l’app di Tencent WeChat, che è censurata e
controllata dal governo.
In un report sulla protezione della privacy nelle messaging app, Amnesty International
ha classificato Tencen a 0 su una scala di 100, e WeChat è stato accusato di leggere i
messaggi degli utenti e di immagazzinare i loro dati. Mentre Tencent ha negato tutto
ciò, secondo una nuova legge sulla cyber security Cinese, le tech firm devono
immagazzinare i log e i dati rilevanti per almeno sei mesi e fornirle alle autorità quando
richiesto.
‘Numerose prove hanno mostrato che le autorità Cinesi hanno accesso a chat private su
WeChat’ ha detto Yaqiu Wang alla CNN.
‘Il giro di vite sugli utenti Twitter Cinesi e le punizioni per gli utenti WeChat mostrano
che le autorità stanno diventando sempre più intolleranti verso conversazioni che sono
private o anonime’.
Mentre WhatsApp – che ha una end-to-end encryption e servers all’estero che nega
alle autorità Cinesi di poter avere accesso ai dati – è in teoria molto più sicuro di
WeChat o altre messaging app Cinesi, se le autorità sono in grado di compromettere un
telefono con malware o altri metodi, l’encryption non sarà sufficiente a proteggerli.
E’ da molto tempo che gli esperti stanno avvertendo la popolazione sull’uso di WeChat,
ma la Cina è una nazione molto grande.
‘Non è una esagerazione dire che io vivo e lavoro su WeChat’ scrive Li Yuan sul New
York Times, aggiungendo che essere sorvegliati è ‘la normalità’.
‘La realtà dei fatti è che il Cinese medio si sente spesso fatalista quando si parla di
censura e sorveglianza’ afferma.