Politica

Molti analisti della sicurezza nazionale della CNN hanno legami non esplicitati con il regime oppressivo del Qatar

CNN, Qatar
Molti analisti della sicurezza nazionale della CNN hanno legami non esplicitati con il regime oppressivo del Qatar

Molti dei cosiddetti esperti di sicurezza nazionale della CNN che vedete in televisione ogni sera hanno collegamenti diretti con la nazione del Qatar, un’enclave islamista di finanziamento del terrorismo in Medio Oriente che si è posta sul sentiero di guerra contro le più importanti regioni regionali americane alleati.

Ma non sapresti mai di queste connessioni, perché nessuno dei regolari della CNN rivela i loro legami finanziari o istituzionali con il Qatar quando appaiono in onda. E in modalità off-line, non sono nemmeno in arrivo sulle loro connessioni supportate dal Qatar.

Anche quando si tratta di discutere questioni in cui hanno un chiaro conflitto di interessi, come commentare gli affari israeliani, sauditi o degli Emirati Arabi Uniti, questi contributori della CNN non hanno alcun problema a battersi contro i rivali del Qatar, senza mai menzionare che la loro libertà editoriale è limitata o che sono personalmente compromessi.

Questi quattro regolari della CNN, due dei quali impiegati a tempo pieno, raddoppiano come propagandisti legati al Qatar, ma non lo sapresti mai se guardassi solo la CNN

Ali Soufan, un noto della CNN protagonista del documentario della rete anti-Arabia Saudita, è il direttore esecutivo dell’Accademia internazionale per gli studi sulla sicurezza del Qatar (QIASS), che ha sede a Doha e finanziato dal regime del Qatar.

Stranamente, il ruolo di guida nell’istituzione governativa del Qatar è quasi identico al suo Soufan Group con sede negli Stati Uniti.

Secondo il Wall Street Journal, Soufan ha una “relazione personale” con i vertici del Qatar.

Soufan, come i suoi colleghi sostenuti dal Qatar, spesso si scaglia contro i sauditi, il principale rivale del Qatar, per l’uccisione di Jamal Khashoggi. Ha anche smascherato le teorie cospirative su Arabia Saudita che hanno hackerato le informazioni personali del CEO di Amazon Jeff Bezos.

Mehdi Hasan,Un regolare della CNN che era un presentatore di lunga data di Al Jazeera, la potente entità media statale controllata da Doha che era la rete preferita del defunto capo di al Qaeda Osama bin Laden.

“Sig. Hasan lavora per al Jazeera, l’impresa dei media di proprietà del Qatar che promuove gli interessi dello stato e della sua famiglia reale. Quando parla, non è meno un portavoce del governo di Kellyanne Conway o Sarah Sanders “, ha spiegato David Reaboi del Security Studies Group in una colonna del Washington Times la scorsa settimana.

Juliette Kayyem, un’ analista della sicurezza nazionale della CNN, è un membro del consiglio del Centro Internazionale per la sicurezza dello sport (ICSS), un gruppo di facciata controllato dal Qatar che è un’operazione di influenza per assicurare e difendere l’offerta della Coppa del Mondo del 2022 in Qatar.

Kayyem ha parlato regolarmente a nome dell’organizzazione ed è stato un punto di contatto mediatico per il gruppo oscuro. Non è stata in grado di affermare che l’ICSS è un’istituzione controllata da Doha. Un volantino del 2015 del gruppo presenta Kayyem come parte di un gruppo di “portavoce dell’ICSS” che può rispondere a domande su un prossimo summit di due giorni.

Kayyem sconfigge regolarmente i rivali del Qatar e ha trasformato i suoi account di social media in un unico sportello per i punti di discussione contro l’Arabia Saudita. Quando discute di questioni riguardanti la politica del Medio Oriente, Kayyem non rivela di essere nel consiglio di un’istituzione governativa del Qatar.

A differenza degli altri individui di questo elenco, l’analista della sicurezza nazionale della CNN Peter Bergen non sembra avere un collegamento diretto con un’istituzione statale del Qatar. Tuttavia, Bergen, frequentatore abituale della minuscola nazione ricca di energia, spinge palesemente l’agitopop pro-Qatar quando si tratta di affari mediorientali.

Il dipendente della CNN frequentemente tiene delle lezioni in istituzioni finanziate dal Qatar come la Georgetown University in Qatar. E l’anno scorso ha moderato un gruppo al Forum di Doha, che si svolge sotto gli auspici del regime del Qatar.

Su quest’ argomento, la CNN non ha risposto a una richiesta di commento.

In un tweet, il figlio del presidente americano ha espresso il suo shock per questa notizia dicendo: “sono scioccato per sentire questo.”, allegando un link di un articolo riguardante la notizia.

 

 

Tags