Politica

Salvini nominato come volto di un nuovo supergruppo populista

Salvini, Parlamento Europeo
Salvini nominato come volto di un nuovo supergruppo populista

Secondo il membro austriaco del Parlamento europeo, Harald Vilimsky, il ministro degli interni populista italiano, Matteo Salvini, è il nuovo volto di un emergente gruppo sovrani populista e sovrano in Europa.

Il sig. Vilimsky, che funge da segretario generale del Partito della libertà (FPÖ), ha affermato che tre importanti gruppi politici populisti e sovrani presenti al Parlamento europeo presenteranno un nuovo accordo questo mese per aumentare la cooperazione tra di loro.

Si dice che i tre gruppi coinvolti siano l’Europa populista delle nazioni e della libertà (ENL), l’Europa della libertà e della democrazia (ELD) e gli euroscettici conservatori e riformatori europei (AECR).

L’AECR, che è stata la casa dei membri euroscettici del partito conservatore del Regno Unito per quasi un decennio, ha reagito ai commenti di Vilimsky dicendo che l’annuncio della cooperazione di aprile era “una novità per noi”.

Anche il populista Sweden Democrats (SD) è membro dell’AECR, ma l’europarlamentare SD Peter Lundgren in precedenza ha esitato sull’argomento di un possibile supergruppo del Parlamento europeo a marzo, “Non sarà possibile formare una grande UE-critica gruppo.”

Negli ultimi mesi, Salvini ha tenuto diversi incontri di alto profilo con altri leader conservatori e populisti in tutta Europa, volti a promuovere la cooperazione.

Nell’agosto dello scorso anno, Salvini ha incontrato il primo ministro ungherese Viktor Orbán, che ha definito il ministro degli interni italiano “il mio eroe”, per il suo impegno nel ridurre la migrazione clandestina.

In ottobre, Salvini della Lega ha incontrato il leader del National Rally Marine Le Pen e ha promesso di creare un “fronte di libertà” in vista delle elezioni europee di quest’anno a maggio.

Poi, a gennaio, il ministro italiano si è incontrato con i membri del partito di Legge e Giustizia (PiS) in Polonia dove ha parlato ancora una volta di costruire un’alleanza affermando: “Vorrei che ci fosse un’alleanza comune tra coloro che vogliono salvare l’Europa “.

Con la recente sospensione del partito Fidesz del Primo Ministro Orbán dal Partito popolare europeo (EPP), Orbán ha detto che cercherà alleati dopo le elezioni di maggio dicendo: “L’Ungheria è troppo piccola per far valere la sua opinione in Europa. Media, ONG, università in Europa sono tutti contro di noi e possono distruggerci. Ecco perché abbiamo bisogno di forti alleati “.