Home Societa Alcune persone continuano a chiedere: esiste un “gene gay”?

Alcune persone continuano a chiedere: esiste un “gene gay”?

316
gene gay
Alcune persone continuano a chiedere: esiste un "gene gay"?

Non esiste un singolo “gene gay” che guida il comportamento sessuale di una persona, conclude il più grande studio genetico mai condotto sulla questione.

Nel 1993 una regione del genoma umano chiamata Xq28 era legata all’omosessualità maschile e nacque la controversa nozione di “gene gay”.

Questi risultati della ricerca non sono stati replicati.

Ma non sarebbe mai stato così semplice: decenni di ricerca genetica hanno dimostrato che quasi ogni caratteristica umana è una complessa interazione di geni e fattori ambientali.

Un nuovo studio, pubblicato su Science la scorsa settimana, conferma che questo vale anche per la sessualità umana.

Lo studio, il più grande di sempre su questo argomento difficile, è stato condotto da un gruppo internazionale di scienziati che lavorano con 23andMe, una società di genomica personale.

Ha usato quello che viene chiamato uno studio di associazione su tutto il genoma (GWAS) su 408.995 individui nel Biobank del Regno Unito, una risorsa sanitaria britannica e 68.527 utenti americani di 23andMe, tutti rimasti anonimi e hanno acconsentito allo studio.

Allora, Di cosa si tratta?

Invece, l’attrazione di una persona verso quelli dello stesso sesso è modellata da un complesso mix d’influenze genetiche e ambientali, simile a quello che si vede nella maggior parte degli altri tratti umani, riferiscono i ricercatori.

“Questa è una parte naturale e normale della variazione nella nostra specie”, ha detto il ricercatore Ben Neale, direttore della genetica con il Stanley Center for Psychiatric Research presso il Broad Institute of MIT e Harvard.

“Ciò dovrebbe anche supportare la posizione in cui non dovremmo cercare di sviluppare cure gay. Non è nell’interesse di nessuno.”

Lo studio internazionale si è concentrato sui profili genetici di circa 480.000 persone provenienti dagli Stati Uniti e dal Regno Unito.

Quello è circa 100 volte più grande di qualsiasi precedente studio del legame tra genetica e attrazione dello stesso sesso, ha detto il ricercatore principale Andrea Ganna, una ricerca collega con l’Unità genetica analitica e traslazionale del Massachusetts General Hospital.

Nel complesso, la genetica rappresenta tra l’8% e il 25% dell’attrazione per lo stesso sesso di una persona, tenendo conto delle migliaia di tratti genetici che alla fine sono coinvolti nella formazione dei desideri sessuali di una persona, ha detto Neale.

TI PIACEREBBE ANCHE:

NON dormire con il telefono vicino alla testa