Alexandra Macesanu: Una tragedia Rumena

    557
    Alexandra Macesanu
    Alexandra Macesanu: Una tragedia Rumena

    Alexandra Macesanu, Un’adolescente rumena rapita, ha implorato disperatamente la polizia di “rimanere in linea” prima di essere uccisa, rivelano le registrazioni.

    Era scomparsa mentre faceva l’autostop a casa il 24 luglio ed era rimasta uccisa dopo aver fatto tre telefonate alla polizia.

    Gli agenti hanno quindi impiegato 19 ore per perquisire la casa del suo rapitore a Caracal, a circa 90 miglia (145 km) ad est di Bucarest, nel sud della Romania.

    Lo zio della vittima, Alexandru Cumpanasu, ha rilasciato martedì la trascrizione delle sue chiamate su Facebook, affermando di aver ottenuto i dettagli dall’Unità di telecomunicazioni speciali (STS) incaricata di dirigere le chiamate di emergenza.

    “Per favore, resta con me sulla linea, ho davvero paura”, ha pianto disperatamente Alexandra Macesanu nella sua ultima telefonata, poco prima che la polizia le chiedesse di interrompere la chiamata.

    Nelle chiamate precedenti, ha anche implorato la polizia di “per favore, vieni presto, ho paura”, ha detto loro che è stata violentata e ha detto: “Penso che tornerà”.

    Ha anche fornito agli ufficiali dettagli su dove fosse detenuta, ma la polizia ha atteso ore per cercare il luogo.

    “Non posso restare in linea con te, signorina, ho altre telefonate”, ha detto l’agente Vasilica Viorel Florescu, secondo la trascrizione e l’audio. “Resta lì, un’auto della polizia arriverà a colpo sicuro, in 2-3 minuti … che diavolo, calmati, l’auto è in arrivo.”

    Florescu, un poliziotto della vicina città di Slatina, ha confermato ai media locali di aver parlato due volte con Macesanu delle tre chiamate che ha fatto, compresa l’ultima.

    I procuratori e i poliziotti che indagano sulla morte di due ragazze nella città di Caracal, nel sud della Romania, hanno trovato lunedì resti umani in una foresta vicino alla città.

    Gheorghe Dinca, un meccanico di 65 anni di Caracal, confessò di aver ucciso le due ragazze.

    Diresse gli investigatori nella foresta dove gettò i resti della sua prima vittima, Luiza Melencu, una ragazza di 18 anni scomparsa ad aprile.

    Dinca ha detto di aver ucciso Luiza lo stesso giorno in cui l’ha rapita, ha bruciato il suo corpo e poi ha gettato via i suoi resti in una foresta.

    Le scoperte degli investigatori arrivano pochi giorni dopo che il rapporto di antropologia forense e il test del DNA hanno confermato che le ossa umane trovate a casa dell’uomo appartenevano alla sua seconda vittima, Alexandra Macesanu.

    L’atteggiamento del governo

    Il ministro dell’istruzione rumeno, Ecaterina Andronescu, è stata licenziata dai commenti “profondamente sbagliati” che ha fatto in merito al caso di rapimento, secondo Romania Insider.

    Il primo ministro Viorica Dancila ha scritto su Facebook che le dichiarazioni di Andronescu erano “irresponsabili”, “mostravano una mancanza di comprensione” e “non riflettevano la posizione del governo”.

    Andronescu aveva affermato che Alexandra Macesanu, 15 anni, rapita, violentata e infine uccisa, “avrebbe dovuto sapere di non entrare nelle auto degli estranei”.