Home Politica Arrestato il presidente dell’Assemblea capitolina per corruzione

Arrestato il presidente dell’Assemblea capitolina per corruzione

2856
De Vito, corruzione
Arrestato il presidente dell'Assemblea capitolina per corruzione

Il presidente del consiglio comunale di Roma, Marcello De Vito del Movimento cinque stelle è stato arrestato dai carabinieri per corruzione nel quadro dell’inchiesta della Procura sul nuovo stadio della Roma. I carabinieri del nucleo investigativo di via In Selci, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Ielo e dai sostituti Barbara Zuin e Luigia Spinelli, lo stanno portando in carcere dopo aver perquisito dalle prime luci dell’alba l’appartamento del consigliere comunale grillino.

Secondo l’accusa, De Vito avrebbe ricevuto da Luca Parnasi elargizioni in cambio della sua promessa di agevolare l’iter autorizzativo del progetto Tor di Valle e di altri impianti sportivi che il costruttore romano avrebbe voluto realizzare nella Capitale. Il nome del presidente del Consiglio comunale di Roma era già spuntato nelle carte dell’inchiesta sullo stadio, quando, insieme all’ex capogruppo di M5S in Campidoglio Paolo Ferrara, aveva «avanzato la richiesta» a Parnasi di sponsorizzare Roberta Lombardi alle ultime consultazioni elettorali.

Come se non bastasse, Virginia Raggi, Marcello De Vito e altri due consiglieri grillini di Città Metropolitana di Roma, Carlo Colizza e Giuliano Pacetti, si ritrovano insieme a Nicola Zingaretti e ad altre 100 persone incolpate dalla Procura della Corte dei conti del Lazio per avere contribuito a provocare un danno erariale da 263 milioni di euro per l’operazione immobiliare che ha portato all’acquisto di uno dei due grattacieli costruiti in zona Eur-Castellaccio sempre dallo stesso imprenditore: Luca Parnasi.