Attacchi al petrolio saudita: gli USA danno la colpa all’Iran

    398
    attacchi
    Attacchi al petrolio saudita: gli USA danno la colpa all'Iran

    Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha incolpato l’Iran per gli attacchi di droni di sabato alle strutture petrolifere saudite.

    Il gruppo Houthi dello Yemen allineato all’Iran ha rivendicato l’attacco a due impianti nel cuore dell’industria petrolifera dell’Arabia Saudita, incluso il più grande impianto di lavorazione del petrolio al mondo.

    Sul altro lato, Il ministro degli Esteri iraniano ha accusato Pompeo di “inganno”.

    Il ministro dell’energia dell’Arabia Saudita ha affermato che gli attacchi hanno ridotto la produzione di petrolio greggio di 5,7 milioni di barili al giorno, circa la metà della produzione del regno.

    I corrispondenti sostengono che potrebbero avere un impatto significativo sui prezzi mondiali del petrolio.

    La principale borsa saudita è precipitata del 3% all’apertura di domenica, prima di riprendersi.

    TI PIACEREBBE ANCHE:

    Ocean Viking: l’Italia autorizza lo sbarco di 82 migranti

    Gli attacchi di droni di sabato hanno colpito Abqaiq, sede del più grande impianto di lavorazione del petrolio di Aramco e il giacimento petrolifero di Khurais.

    I sauditi guidano una coalizione militare sostenuta dall’occidente a sostegno del governo dello Yemen, in opposizione al movimento ribelle Houthi.

    Cosa ha detto Mike Pompeo?

    In un tweet, ha detto che non c’erano “prove” che i droni provenissero dallo Yemen.

    Ha descritto l’attacco come “un attacco senza precedenti alla fornitura di energia del mondo”.

    “Chiediamo a tutte le nazioni di condannare pubblicamente e inequivocabilmente gli attacchi dell’Iran”, ha aggiunto Pompeo.

    Gli Stati Uniti lavorerebbero con i loro alleati per garantire che i mercati dell’energia rimanessero ben forniti e “l’Iran è ritenuto responsabile della sua aggressività”, ha aggiunto.

    La Casa Bianca ha affermato che Trump ha offerto il sostegno degli Stati Uniti per aiutare l’Arabia Saudita a difendersi.

    Cosa c’è dietro le sue accuse?

    Pompeo non ha fornito prove specifiche a sostegno delle sue accuse.

    Seguono uno schema degli Stati Uniti che incolpano l’Iran per i recenti attacchi che hanno coinvolto forniture di petrolio nella regione.

    Gli Stati Uniti hanno dichiarato che l’Iran è stato dietro gli attacchi a due petroliere nel Golfo di giugno e luglio, nonché a altre quattro a maggio.

    Teheran ha respinto le accuse in entrambi i casi.

    Un elemento della dichiarazione di Houthi sugli attacchi ha tuttavia ringraziato “la cooperazione con le persone onorevoli all’interno del regno”.

    Cosa ha detto l’Arabia Saudita?

    Ha fornito pochissime informazioni dai due siti.

    Un portavoce della coalizione militare a guida saudita che combatte nello Yemen ha dichiarato che sono ancora in corso delle indagini per determinare chi li abbia condotti.

    I funzionari hanno detto che non ci sono state vittime.

    I media dello stato saudita hanno riferito che il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman aveva detto al presidente Trump in una conversazione telefonica che il regno era “disposto e in grado di affrontare questa aggressione terroristica”.

    FONTE: BBC