Home Scienza Emirati Arabi Uniti, piuttosto seri riguardo al suo programma spaziale

Emirati Arabi Uniti, piuttosto seri riguardo al suo programma spaziale

328
Emirati Arabi Uniti
Emirati Arabi Uniti, piuttosto seri riguardo al suo programma spaziale

Step FeedSe pensavate che Google Earth fosse affascinante, il primo satellite creato dagli Emirati Arabi Uniti ci ha dato qualcosa di molto più eccitante.

Venerdì, KhalifaSat ha scattato una foto della moschea più grande del mondo, Masjid Al Haram, nella città saudita della Mecca. La moschea circonda la Kaaba, il sito più sacro dell’Islam e comprende 400.800 metri quadrati di spazio.

Il Centro Spaziale Mohammad bin Rashid (MBR) ha condiviso l’affascinante fotografia sulle sue piattaforme di social media tra cui Twitter e Instagram.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno ufficialmente lanciato il satellite nell’ottobre 2018 nella speranza di supportare ulteriormente il suo ambizioso programma spaziale, che mira a far sì che un satellite orbita attorno a Marte entro il 2021.

Nel 2006, un gruppo di ingegneri Emirati si recò in Corea del Sud per lavorare allo sviluppo di DubaiSat-1 e DubaiSat-2, i primi satelliti degli Emirati Arabi Uniti.

Nel marzo 2015, gli ingegneri sono tornati negli Emirati Arabi Uniti e hanno formato un team locale di 68 membri che ha lavorato al completamento del progetto per KhalifaSat.

In effetti, il 90 percento degli ingegneri che lavoravano al progetto erano laureati nelle università degli Emirati.

La nazione degli Emirati ha dimostrato quanto sia seria la sua missione spaziale negli ultimi anni, tanto che il National Geographic è pronto a rilasciare una serie di documentari che raccontano il viaggio del paese nello spazio. Uno di questi settori è il lancio del paese di KhalifaSat.

Nel 2014, gli Emirati Arabi Uniti hanno istituito ufficialmente un’agenzia spaziale e hanno fissato un ambizioso obiettivo di lanciare una sonda su Marte.

Due anni dopo, lo stato del Golfo e la NASA firmarono un accordo per lavorare insieme per raggiungere il pianeta rosso.

Nel 2016, il paese ha istituito la missione Emirates Mars – che prevede di inviare un veicolo spaziale senza equipaggio per esplorare Marte nel 2020. Il viaggio dovrebbe durare sette mesi.

Nel 2017, gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato i suoi piani per costruire la prima città in assoluto su Marte … in circa 100 anni.

Il progetto Mars 2117 fa parte di un programma nazionale di 100 anni che si concentra sulla ricerca di scoperte scientifiche come la famosa missione di Marte.

Ma il Paese non sta limitando i suoi obiettivi spaziali all’esplorazione di Marte. Nel 2018, due astronauti degli Emirati sono stati selezionati per volare sulle stazioni spaziali internazionali (ISS): i primi arabi che hanno avuto l’opportunità di farlo.