Home Altro Giovanni Falcone: il magistrato che ha infastidito la mafia

Giovanni Falcone: il magistrato che ha infastidito la mafia

3339
Giovanni Falcone
Giovanni Falcone: il magistrato che ha infastidito la mafia

L’uomo di cui sto parlando è considerato un supereroe antimafia. Il suo nome è Giovanni Falcone. Non era né Zorro né Batman. Non ha mai indossato una maschera e un mantello. Penso che abbia dei bei baffi.

Giovanni Falcone è riuscito a compiere la leggendaria impresa di cambiare completamente la mentalità del nostro paese.

In tutto il mondo, la gente conosce la mafia siciliana ei suoi padrini che hanno macchiato la dignità della Sicilia di sangue, ma non molti sanno di quelli che divennero gladiatori che combatterono come leoni coraggiosi contro la terrificante e potente mafia.

Durante gli anni Ottanta e Novanta, la Sicilia sapeva di morte. La morte aleggiava nell’aria e gli abitanti vivevano nella paura mortale di far arrabbiare un mafioso.

Solo uno “sguardo sbagliato” potrebbe significare la morte a un cittadino che ha dato un’occhiata a un mafioso.

Erano gli anni della supremazia della famiglia mafiosa. Queste persone sono state sterminate dalla gente solo per raggiungere la cima del crimine organizzato.

Ma Cosa Nostra stava per affrontare un magistrato accusatore che, da solo, era in grado di mettere in ginocchio l’intero sistema marcio.

Insieme al collega e amico Paolo Borsellino – che ha incontrato la sua morte per un attacco di mafia a soli due mesi dall’accusa – Giovanni Falcone sarebbe passato alla storia come eroi italiani nella guerra contro la mafia.

Giovanni Falcone divenne il nemico delle persone più potenti e temute in quel momento. Ha saputo che Cosa Nostra si era già diffusa negli Stati Uniti.

Giovanni Falcone ha imparato a conoscere molto sulla struttura organizzata della mafia. Ciò era dovuto alle confessioni raccolte da Tommaso Buscetta, un mafioso che, una volta catturato, iniziò a cooperare con le forze di giustizia.

La prima incursione nel cuore della mafia fu il famoso il Maxiprocesso, il più grande processo penale mai tenuto in tutto il mondo. Questo è stato il suo primo processo contro la mafia siciliana e si è svolto proprio qui a Palermo.

Il processo si è svolto in un bunker-tribunale appositamente costruito per questo scopo all’interno delle mura della prigione di Palermo. Una volta all’anno, nell’anniversario della sua morte, è possibile visitare il sito.