Home Altro Il Consiglio mondiale delle comunità musulmane – Abu Dhabi

Il Consiglio mondiale delle comunità musulmane – Abu Dhabi

835
Consiglio mondiale delle comunità musulmane
Il Consiglio mondiale delle comunità musulmane - Abu Dhabi

L’ottavo maggio 2018 si considera una data di riferimento per le comunità musulmane, alla luce dell’annuncio del ministro della tolleranza degli Emirati Arabi Uniti, Sheikh Nahyan bin Mubarak Al Nahyan, del varo del Consiglio mondiale delle comunità musulmane, Abu Dhabi con lo slogan «opportunità e sfide».

In tal contesto, questa struttura culturale, religiosa e di civiltà può essere considerata una risposta obiettiva a decenni di illegalità e di sicurezza sociale bitorzoluto a causa dell’assenza di una visione coerente con le estremità della equazione.

Ti piacerebbe anche:

David Sassoli è il nuovo presidente del Parlamento europeo

Qui per parlare di stati di incubatore per le minoranze musulmane (come i residenti e cittadini), come pure, che è ancora un grande segmento di loro soffre di un problema ad accettare l’altro e la capacità di integrare nella società.

Oltre a concentrarsi sulla direzione delle loro espressioni individuali e collettive per preservare le costanti nazionali e le norme legali ed etiche che disciplinano il contratto sociale tra i paesi ospitanti ei musulmani, pur preservando l’identità religiosa come principale determinante del carattere principale dell’individuo musulmano nei paesi ospitanti.

Gli obiettivi della conferenza

Il Consiglio mondiale delle comunità musulmane, con il sostegno dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti, oltre al contributo di molte personalità influenti islamiche e in accordo con una visione strategica intelligente, ha lavorato per disegnare nuove caratteristiche relazionali volte a:

  • La difesa e l’adozione delle richieste e dei diritti delle minoranze musulmane: invocando le loro cause e intervenendo con i paesi ospitanti per facilitare le condizioni di vita sotto le formalità legali che regolano le condizioni di residenza e di lavoro.
  • Assistere i paesi ospitanti nel processo di supervisione sociale: un obiettivo strategico che ha disturbato il decisore in questi paesi da anni, in particolare con la registrazione di una serie di violente reazioni terroristiche.