Home Politica Il Qatar dice di avere riserve sulle dichiarazioni arabe sull’Iran

Il Qatar dice di avere riserve sulle dichiarazioni arabe sull’Iran

273
il Qatar
Il Qatar dice di avere riserve sulle dichiarazioni arabe sull'Iran

Domenica scorsa, il Qatar ha espresso riserve sulle dichiarazioni di massima sull’Iran fatte ai summit di emergenza del Golfo e di più ampi stati arabi, chiamati dall’Arabia Saudita, diventando il secondo paese arabo a respingere la dichiarazione dopo l’Iraq.

Il ministro degli esteri del Qatar, lo sceicco Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani, ha dichiarato che le dichiarazioni ai vertici non sono state adottate con le procedure tradizionali.

“Le dichiarazioni hanno condannato l’Iran, ma non hanno fatto riferimento a una politica moderata per parlare con Teheran”, ha detto in un commento riportato dalla televisione di Al Jazeera, di proprietà statale di Qatar.

“Hanno adottato la politica di Washington nei confronti dell’Iran, piuttosto che una politica che mette in relazione il vicinato con l’Iran”, ha aggiunto.

Il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, Adel Al Jubeir, ha accusato il Qatar di aver falsato i fatti, mentre gli Emirati Arabi e il Bahrein hanno detto che Doha è tornata su quanto concordato durante le riunioni.

“Mi sembra che partecipare e concordare negli incontri ritiri ciò che è stato concordato o è il risultato della pressione sui vulnerabili che hanno perso la sovranità, le cattive intenzioni o la mancanza di credibilità, e questi fattori potrebbero essere combinati”, ha twittato Anwar Gargash, Ministro degli esteri degli Emirati Arabi Uniti.

Il re dell’Arabia Saudita Salman ha convocato i vertici di emergenza il 30 maggio per discutere di attacchi di droni su impianti petroliferi in Arabia Saudita e attacchi contro quattro navi, tra cui due petroliere saudite, al largo della costa degli Emirati Arabi Uniti.

Gli EAU e gli USA attivano il patto di cooperazione per la difesa

Il primo ministro qatariano Abdullah bin Nasser Al Thani, il cui paese ospita la più grande base militare degli Stati Uniti nella regione, ha partecipato ai summit, il più alto funzionario del Qatar per visitare il regno da quando Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein e Egitto hanno imposto un boicottaggio diplomatico sul Qatar nel 2017.

L’embargo è stato imposto sulle accuse secondo cui il Qatar sostiene il terrorismo e si sta allineando con il nemico regionale Iran.

Doha si è svolta a Teheran per alleggerire il suo isolamento economico, procurandosi le principali importazioni dall’Iran e dirottando molti voli dalla sua compagnia di bandiera Qatar Airways sulla Repubblica islamica.

In realtà, questa non è la prima volta che il Qatar non mantiene la parola. Il piccolo paese è stato accusato nel 2014 di non rispettare i due accordi di Riad.