Home Politica Il vice cancelliere austriaco in vendita?

Il vice cancelliere austriaco in vendita?

255
Strache
Il vice cancelliere austriaco in vendita?

DER SPIEGEL – Una casa per le vacanze bianca come la neve su una collina, a pochi chilometri dalla città di Ibiza. Tre camere da letto, quattro bagni, una piscina all’aperto e una guest house separata con circa 500 metri quadrati di superficie abitabile per 1.000 euro a notte.

Il gruppo che si mescolava sulla terrazza la sera del 24 luglio 2017, bevendo champagne, mangiando tartare di tonno e sushi, stava discutendo argomenti delicati: come potevano assicurarsi che un investitore russo si aggiudicasse contratti da aziende austriache e dal governo?

Stavano pensando in grande. Niente sembrava impossibile. Discutevano delle licenze del casinò, della vendita di un vecchio hotel di lusso, dei contratti per la costruzione di autostrade – tutto per l’investitore russo. Hanno anche discusso di un’acquisizione di Kronen Zeitung, uno dei quotidiani più diffusi in Austria.

Il gruppo comprendeva una donna che era presumibilmente russa, una donna austriaca con radici serbe e un master e tre austriaci in abbigliamento per il tempo libero.

In quel momento, due di loro stavano già andando al centro del potere politico: Heinz-Christian Strache, capo del partito di estrema destra dell’Austria (FPÖ), e Johann Gudenus, membro del consiglio federale del FPÖ e un ex vice sindaco di Vienna, che era anche il marito della donna nata in Serbia.

Quasi tre mesi dopo l’incontro nella villa, gli austriaci sarebbero andati alle urne per eleggere un nuovo Consiglio nazionale, la camera bassa del parlamento del paese. Altri due mesi dopo, Strache avrebbe prestato giuramento come vice cancelliere dell’Austria. Gudenus è stato promosso a capo del gruppo parlamentare del loro partito.

A Ibiza, mentre i due discutevano allegramente di affari da milioni di euro, sembravano amici in vacanza. Ma da dicembre 2017, hanno aiutato a tracciare il percorso del governo federale a Vienna. L’FPÖ fa parte della coalizione di governo austriaca, essendo emersa dalle ultime elezioni come remaker per il cancelliere Sebastian Kurz e il suo conservatore Partito popolare austriaco (ÖVP).

I due uomini erano rimasti seduti insieme per sei ore in quella tiepida sera quando un oscuro sospetto si insinuò su Strache: “Trappola, trappola, è una trappola”, sussurrò al suo vicino, Gudenus. Ma abbastanza presto, le sue preoccupazioni sembravano scomparire. “Non è una trappola”, lo rassicurò Gudenus.

Ma il leader FPÖ aveva ragione. L’incontro è stato una trappola. La villa era protetta da bug e dotata di numerose telecamere nascoste.

La presunta donna russa, Alyona Makarova, che sosteneva di avere anche la cittadinanza lettone, fingeva di essere la nipote affamata di investimenti di un ricco oligarca. La sua storia: voleva investire oltre 250 milioni di euro in Austria, capitale che “non può essere depositato in una banca” perché è “in effetti, non del tutto legale”, ha spiegato candidamente il compagno della donna.

Le registrazioni sono politicamente esplosive. Rivelano opinioni altamente discutibili sui politici austriaci attualmente in carica. Mostrano che questi politici erano disposti ad aumentare i risultati elettorali del FPÖ con l’aiuto del denaro russo. Le promesse fatte quella sera e le pratiche che hanno rivelato potrebbero essere potenzialmente criminali per qualcuno in un ufficio politico.