Home Salute La protezione solare: cosa dice la scienza sugli ingredienti

La protezione solare: cosa dice la scienza sugli ingredienti

1066
la protezione solare

Negli ultimi anni c’è stato un cambiamento nel modo in cui pensiamo e utilizziamo la protezione solare.

Le opzioni di protezione solare non sono mai state migliori né la consapevolezza della sua importanza maggiore.

Il melanoma è uno dei tumori più mortali. È anche uno che, sebbene sia ancora la forma meno comune di cancro della pelle, sta crescendo in prevalenza in tutto il mondo.

Dall’inizio degli anni ’90, i tassi di melanoma nel Regno Unito sono aumentati tra tutte le fasce d’età.

Anche i tassi di non melanoma sono aumentati.

Solo negli Stati Uniti, i casi di tumori della pelle non melanoma sono cresciuti di circa il 77% negli ultimi due decenni.

L’esposizione alle radiazioni UV è la causa principale delle forme più comuni di cancro della pelle. E uno dei modi più efficaci per evitarlo, ovviamente, è la protezione solare.

“Qualsiasi conversazione sulla protezione solare deve iniziare riconoscendo che esistono prove concrete che previene il cancro della pelle”, afferma Richard Weller, consulente onorario dermatologo dell’Università di Edimburgo.

Questo è il motivo per cui, sebbene il cancro della pelle stia aumentando in alcuni paesi, sta diminuendo in altri, in particolare quelli che hanno aumentato la consapevolezza dell’importanza dell’uso della protezione solare.

“I tassi di cancro della pelle stanno aumentando tra le generazioni più anziane – stanno portando danni da decenni prima nella loro vita, perché le cose sono cambiate ora”, dice Adele Green, scienziata senior del gruppo di studi sulla popolazione e sul cancro presso il QIMR Berghofer Medical Research Institute in Australia .

“I paesi in cui i tassi stanno diminuendo hanno avuto i maggiori investimenti nella comunicazione della consapevolezza, come la Nuova Zelanda, la Danimarca, gli Stati Uniti e l’Australia.”

Ma alcuni ricercatori hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che, nonostante sia uno strumento innegabilmente importante nella nostra lotta contro il cancro della pelle, potrebbe essere necessario migliorare la formulazione della protezione solare per contenere ingredienti più sicuri e, nella peggiore delle ipotesi, alcune creme solari potrebbero danneggiare la nostra salute.

All’inizio di quest’anno la Food and Drug Administration (FDA) americana ha rimosso 14 dei 16 prodotti chimici trovati nei filtri solari dalla sua categoria GRASE.

Doppio filtro

Per la protezione solare è possibile utilizzare due tipi di filtri UV. I più comunemente usati sono noti come filtri organici, che assorbono le radiazioni UV e le convertono in radiazioni più sicure.

I filtri UV inorganici come il biossido di titanio e l’ossido di zinco – che sono generalmente considerati sicuri – riflettono e disperdono le radiazioni UV lontano dalla pelle.

Vitamina D

Ci sono anche preoccupazioni che la protezione solare impedisce al corpo umano di produrre vitamina D, che otteniamo principalmente dall’esposizione al sole.

Dopotutto, la carenza di vitamina D potrebbe essere più diffusa di quanto pensiamo – potrebbe essere la colpa l’uso della protezione solare?

“Il meccanismo delle scottature solari è diverso dalla produzione di vitamina D, e ci sono molte prove che suggeriscono che l’applicazione della protezione solare non sembra influenzare molto i livelli di vitamina D”, afferma Neale.