Home Politica L’ambasciatore dell’ISIS in Turchia

L’ambasciatore dell’ISIS in Turchia

685
ISIS, Turchia
L'ambasciatore dell'ISIS in Turchia

Nella complicata relazione tra il governo della Turchia e ISIS, non è chiaro quanta parte della relazione fosse diretta e formale, in opposizione al sostegno proveniente da privati ed entità in Turchia, o in risposta alle enormi quantità di denaro che l’ISIS ha dovuto spendere su una rete dispiegata all’interno della Turchia per ricevere e incanalare combattenti stranieri, armi e forniture mediche nel suo enorme apparato statale.

In ogni caso, è chiaro che ogni stato ha bisogno di diplomatici per negoziare accordi politici con i paesi vicini ai suoi confini. A quanto pare, l’ISIS non ha fatto eccezione a questa regola, come i ricercatori di ICSVE hanno appreso in un’intervista di cinque ore a febbraio 2019 con un emiro dell’ISIS, Abu Mansour al Maghrebi, che afferma di essere essenzialmente l’ambasciatore dell’ISIS in Turchia.

Abu Mansour, un ingegnere elettrico del Marocco, è arrivato in Siria nel 2013. Ha dichiarato che sperava di liberare i musulmani dai regimi dittatoriali e di costruire un califfato islamico governato da ideali islamici.

LEGGI ANCHE:

Turchia, Erdogan provoca l’odio e il lotto contro l’Occidente e il cristianesimo

Ha viaggiato da Casablanca, in Marocco, a Istanbul, in Turchia, e attraverso il confine meridionale della Turchia in Siria. La sua prima tappa fu Idlib, in Siria, proprio come erano iniziate le ostilità tra al Nusra e ISIS. Il suo compito era quello di ricevere il flusso costante di combattenti stranieri in streaming in ISIS attraverso la Turchia – molti che condividevano il suo stesso sogno.

Quando gli è stato chiesto chi esattamente nel governo turco incontrava i membri dell’ISIS, ha affermato: “C’erano delle squadre. Alcuni rappresentano le informazioni turche, alcuni rappresentano l’esercito turco. C’erano squadre da 3-5 gruppi diversi. La maggior parte delle riunioni erano in Turchia in posti militari o nei loro uffici. Dipende dal problema. A volte ci incontriamo ogni settimana. Dipende da cosa stava succedendo. La maggior parte degli incontri erano vicini ai confini, alcuni ad Ankara, altri a Gaziantep. ”