Home Finanza L’Europa può evitare l’imminente crisi economica?

L’Europa può evitare l’imminente crisi economica?

365
crisi
L'Europa può evitare l'imminente crisi economica?

La prossima volta sarà diversa.

Nella prossima crisi, i governi occidentali sembrano intenzionati a combattere da soli e per se stessi. Benvenuti nel nuovo disordine mondiale.

La Germania si sta recando in recessione e gli Stati Uniti potrebbero seguire; La crisi politica italiana sta peggiorando.

L’incertezza sulla Brexit è più profonda che mai; la guerra commerciale Cina-USA infuria; tra Iran, Siria, Venezuela, Hong Kong e Corea del Nord, le tensioni geopolitiche continuano ad accumularsi.

Le prospettive internazionali per questo autunno non sembrano rosa.

L’Europa sarà in grado di agire in risposta ai segnali di pericolo?

Ciò dipenderà in gran parte dalla volontà del governo tedesco di (finalmente) lasciare andare i dogmi imposti all’euro zona nell’ultimo decennio.

Per il secondo trimestre del 2019, la crescita della zona euro è scesa allo scarso 0,2% rispetto al trimestre precedente.

L’economia tedesca, la più grande della zona euro, è diventata rossa.

L’Italia, la terza più grande, ristagna.

Anche il Regno Unito, la seconda maggiore economia dell’UE, ha registrato un calo dello 0,2% del suo PIL.

E finora nulla suggerisce che la situazione migliorerà nel terzo trimestre.

Il deficit 2020 in pista sarà ben al di sotto dell’obiettivo

Nell’attuale contesto di tassi d’interesseolto bassi sulle obbligazioni sovrane, sarebbe meglio utilizzare maggiormente i disavanzi di bilancio.

Nell’area dell’euro tali disavanzi dovrebbero raggiungere solo lo 0,9% del PIL quest’anno.

È vero, questo è 0.4 punti in più rispetto al 2018: Francia e Italia hanno già rinunciato un po ‘alla disciplina di bilancio.

Rimane tuttavia un margine sostanziale, pur rispettando il famoso limite del 3% del PIL.

Tuttavia, sarà difficile sfruttare questo margine, a causa del Patto di bilancio europeo (TSCG) adottato nel 2012.

Ciò proibisce efficacemente agli Stati il cui debito pubblico supera il 60% del PIL d’indebitarsi ulteriormente.

Eppure la politica economica condotta dal 2012 ha tenuto l’economia europea al limite della recessione.

Di conseguenza, il debito pubblico è sceso a malapena: al di fuori della Germania è ancora al 97% del PIL nella zona euro, un calo di soli 5 punti dal vertice del 2014.

Per rispondere alla scala necessaria al rallentamento attuale, il TSCG dovrà procedere. Non facile.