Home Politica L’India ha deciso di ritirare lo status speciale del Kashmir

L’India ha deciso di ritirare lo status speciale del Kashmir

1032
Kashmir
L'India ha deciso di ritirare lo status speciale del Kashmir

L’India è destinata a ritirare lo status speciale del territorio conteso del Kashmir e a dividere lo stato in due, con una mossa che probabilmente dovrà affrontare una forte resistenza nello stato a maggioranza musulmana e intensificare le tensioni con il Pakistan.

La proposta, che è stata sostenuta dai nazionalisti indù per decenni, è il cambiamento più radicale che qualsiasi governo ha suggerito per lo status del Kashmir da quando alla regione è stata concessa l’autonomia in cambio dell’adesione all’Unione indiana dopo l’indipendenza nel 1947.

Segue una repressione della sicurezza nel Kashmir amministrato dall’India, dove sono state dispiegate truppe extra e migliaia di pellegrini e turisti sono stati improvvisamente evacuati durante il fine settimana.

Nelle prime ore di lunedì, i leader del Kashmir hanno dichiarato di essere stati messi agli arresti domiciliari, la copertura di internet e telefono nella valle del Kashmir è stata interrotta, le riunioni pubbliche sono state bandite e le scuole chiuse.

Il governo ha cercato di revocare lo status speciale dello stato attraverso un ordine presidenziale lunedì, che sarà votato dalla camera bassa del parlamento, controllato dal partito nazionalista indù Bharatiya Janata di Narendra Modi (BJP).

Una fonte governativa ha affermato che il voto è stato un tecnicismo e che le proposte sono state concluse.

Reazioni arrabbiate per la decisione

Mehbooba Mufti, Jammu e l’ex primo ministro del Kashmir, che una volta era in alleanza con il partito indiano Bharatiya Janata (BJP), ha twittato che l’annuncio del governo avrebbe “reso l’India una forza occupazionale nel Jammu e Kashmir… Oggi segna il giorno più buio della democrazia indiana “.

Il BJP ha ripetutamente promesso di eliminare lo status speciale del Kashmir, ma questa è la prima volta che viene presentata una proposta concreta.

“Oggi il B.J.P. ha assassinato la Costituzione dell’India “, ha affermato Ghulam Nabi Azad, un leader dell’Indian National Congress, un partito dell’opposizione.

Fonte: The Guardian