Home Tech L’intelligenza artificiale può leggere le tue emozioni

L’intelligenza artificiale può leggere le tue emozioni

1261
L'intelligenza artificiale
L'intelligenza artificiale può leggere le tue emozioni

L’intelligenza artificiale è già una parte importante della vita di tutti i giorni.

Permettere ai computer di monitorare e percepire le nostre emozioni – piuttosto che tenere traccia delle nostre abitudini quotidiane – sembra inquietante ora.

Man mano che la tecnologia avanza, i consumatori cresceranno per apprezzare come l’intelligenza artificiale in grado di misurare con precisione i nostri pensieri e sentimenti faciliterà la nostra vita quotidiana, con esperienze più personalizzate, convenienti e in sintonia con le nostre emozioni.

Questi sforzi sono degni di nota, ma a malapena graffiano la superficie di come l’IA potrebbe essere utilizzata per comprendere i nostri desideri e bisogni.

Presto il servizio clienti basato sull’intelligenza artificiale non solo aiuterà gli umani, ma capirà i nostri sentimenti.

Con queste informazioni, le aziende possono adattare il proprio servizio per migliorare l’esperienza del cliente.

Considera come l’uso dell’IA per valutare le emozioni potrebbe rivoluzionare il servizio di persona.

Immagina di essere ansioso del lento servizio di un ristorante. Al tavolo, un piccolo computer dotato di intelligenza artificiale con gli stessi sensori potrebbe valutare le espressioni facciali o la voce, annotare il tuo disagio e segnalare a un altro dipendente di venire ad assistere.

Se il computer ti ha indicato come particolarmente arrabbiato, il ristorante potrebbe offrire un trattamento gratuito.

Vogliamo davvero che le nostre emozioni siano leggibili automaticamente?

l’emozioni identificate dall’IA solleva anche preoccupazioni.

Come possiamo sapere che questi dati verranno utilizzati in modo da favorire i cittadini?

Il prof. Andrew McStay, autore di Emotional AI: The Rise of Empathic Media, mette in guardia dall’andare per un “Black Mirror avenue”, riferendosi alla serie televisiva di fantascienza creata da Charlie Brooker.

“È abbastanza facile fare le cose distopiche”, dice, “e io esorto sempre: piuttosto che dire che è davvero buono o molto cattivo, si tratta di dettagli”.

Per McStay, tuttavia, l’IA di emozione è pericolosa quando influisce sulle “opportunità di vita future” ed è particolarmente preoccupato per il suo impatto sul posto di lavoro.

McStay si preoccupa anche dell’adozione delle emozioni di base di Ekman.

Un recente rapporto pubblicato sulla rivista Psychological Science in the Public Interest stava colpendo l’idea che fosse possibile interpretare accuratamente le emozioni semplicemente analizzando il volto di una persona.