Home Societa L’Italia concede la cittadinanza ad un ragazzo egiziano di 13 anni

L’Italia concede la cittadinanza ad un ragazzo egiziano di 13 anni

2953
scuolabus, Rami Shehata
L'Italia concede la cittadinanza ad un ragazzo egiziano di 13 anni

Ramy Shehata, di origine egiziana, avvisò la polizia che il suo scuolabus era stato dirottato dal suo autista, che stava minacciando di bruciare vivi i 51 bambini presenti a bordo. Lui telefonò segretamente a suo padre su un cellulare nascosto dopo che l’autista chiese ai bambini di consegnare i loro telefoni. Ansa ha riferito che il tredicenne ha fatto la telefonata mentre fingeva di pregare in arabo, ma in realtà stava emettendo un avvertimento a suo padre che poi ha telefonato alla polizia.

Dopo l’arrivo della polizia, l’autista ha presumibilmente scaricato il veicolo con un liquido infiammabile e ha urlato: “Nessuno sopravviverà oggi”. L’autobus, che aveva trasportato due classi di scolari dalla provincia di Cremona a Milano, è andato in fiamme. Ma la polizia è riuscita a salvare tutti i passeggeri attraverso le finestre rotte prima che l’incendio distruggesse il veicolo, e non ci sono stati feriti gravi.

Il padre di Ramy, Khaled Shehata, immigrato dall’Egitto nel 2001, ha riferito all’agenzia di stampa Ansa che suo figlio è nato in Italia nel 2005, ma non ha mai rilasciato documenti ufficiali di cittadinanza.”Mio figlio ha fatto il suo dovere, sarebbe bello se ora avesse la cittadinanza italiana”, ha detto.”Ci piacerebbe rimanere in questo paese. Quando l’ho visto ieri l’ho abbracciato forte “. I funzionari del governo hanno detto che avrebbero accelerato e pagato la richiesta di cittadinanza del ragazzo. “Il ministero degli interni è pronto a prendersi cura delle spese e ad accelerare la cittadinanza per questo piccolo eroe”, hanno detto i funzionari in una nota.