Home Politica L’Italia protesta contro le riforme scolastiche

L’Italia protesta contro le riforme scolastiche

3047
L'Italia protesta contro le riforme scolastiche

Le scuole sono state chiuse in tutta Italia, mentre insegnanti e studenti sono scesi in piazza per protestare contro le riforme dell’istruzione. I manifestanti sostengono che i piani porterebbero a problemi di finanziamento e darebbero vantaggi ingiusti alle scuole private. “Siamo qui per dimostrare contro una legge che modificherà le regole per le scuole, nello stesso modo in cui è stata modificata la nostra costituzione”, ha affermato Vincenzo Alessandro, leader sindacale della CISL. “Abbiamo una scuola che si basa sulla fornitura di istruzione a tutta la comunità, ora vogliono sostituirla con una scuola che divide gli studenti in prima classe e in seconda classe”.

Proposto dal primo ministro Matteo Renzi, il cosiddetto piano “Buone scuole” mira a fissare le scuole del paese, ma i critici ritengono che i cambiamenti siano ingiusti. Le riforme includono l’assunzione di 100.000 insegnanti sostituti con contratti a tempo indeterminato (molti dei quali part-time al momento) e l’offerta di aumenti salariali basati sul merito piuttosto che sull’anzianità.

Il ministro dell’Istruzione ha dichiarato di essere perplessa per le ragioni dei raduni, ma molti temono i cambiamenti. “Ho qui mio figlio che ha otto anni e mi piacerebbe che avesse delle opportunità con la sua scuola”, ha detto un manifestante. “Mi piacerebbe che fosse libero di scegliere la sua scuola superiore o università e che fosse in grado di frequentare entrambi. Vorrei che fosse in grado di scegliere se voleva essere un operaio o un architetto “.