Home Politica ll Libano dovrebbe diffidare dei regali del Qatar

ll Libano dovrebbe diffidare dei regali del Qatar

888
Supporters of Lebanon's Hezbollah leader Sayyed Hassan Nasrallah chant slogans and gesture during a rally marking Al-Quds day in Beirut's southern suburbs, Lebanon June 23, 2017. REUTERS/Aziz Taher - RTS18DLL

Il Libanese medio aspettava con ansia il summit economico Arabo che si è tenuto a Beirut nel weekend, che avrebbe dovuto offrire un po’ sollievo all’economia del paese, che è in difficoltà a causa del vuoto governativo che dura da mesi. Ma i disaccordi interni che riguardanti l’invito al summit di Siria e la Libia hanno portato molte nazioni a sottovalutare la loro rappresentanza.

 

L’emiro del Qatar e il presidente della Mauritania erano gli unici capi di stato che hanno deciso di partecipare. Il primo si è fatto notare quando il suo governo ha annunciato che Doha avrebbe comprato 500 milioni di dollari in bonds dal Libano.

 

L’economia Libanese è sull’orlo del collasso da qualche tempo, ma una conferenza a Parigi lo scorso aprile ha fatto si che ci fossero aiuti per 11 milioni di dollari. Tuttavia, la Francia ha avvertito che Beirut potrebbe perdere quegli aiuti se continua a non avere un governo.

 

L’acquisto dei bond da parte del Qatar potrebbe anche avere delle implicazioni politiche molto più ampie. Il Qatar è al centro di una disputa con l’Egitto e altri stati del Golfo, inclusa l’Arabia Saudita. Sin dal giugno 2017, l’Arabia Saudita, l’UAE, il Bahrain e l’Egitto hanno tagliato tutti i legami diplomatici ed economici con il Qatar, accusandolo di supportare il terrorismo e di cercare una relazione più forte con l’Iran.

 

‘L’acquisto dei bond da parte del Qatar, anche se può sembrare un aiuto dall’esterno, può avere delle serie implicazioni e spingere le nazioni come l’Arabia Saudita, Kuwait e l’UAE a non supportare il Libano in futuro’ ha detto Mohamed Chebaro.

 

Alcuni Libanesi non hanno mai dimenticato che Doha ha cercato di difendere e riabilitare il capo del regime Siriano, Assad, quanto la comunità internazionale ha cercato senza successo di porre delle sanzione al regimee l’ha ritenuto responsabile per l’assassinio del Primo Ministro Rafik Hariri nel 2005.

 

Da allora, il Qatar si è schierato dalla parte politica chiamata March 8 Alliance, vicina a Tehran e Damasco, e serve come un blocco politico che favorisce i piani degli Hezbolla in Libano, come indicato dalla Siria e Iran a discapito dei propri interessi nazionali e della fragile democrazia.

 

Sin dalla Primavera Araba, il Qatar è visto come un agente che promuove grupppi affliliati all’islam politico, come l’Egyptian Muslim Broterhood e anche Al-Qaeda – e gruppi affiliati come Al-Nusra Front in Siria.

 

Sebbene il Libano sia l’anello debole nel conflitto in Medio Oriente, le persone sono ormai disperate e sono contente dell’aiuto del Qatar, specialmente dopo che il ministro delle finanze ha spaventato il mercato Libanese all’inizio di questo mese, con commenti sul debito pubblico, che è fra i più alti al mondo.

 

Ma, come ogni cosa nella regione, la mossa del Qatar potrebbe alienare ancora di più il Libano dai suoi supporter come l’Arabia Saudita e l’UAE, i quali hanno pagato miliardi di dollari negli ultimi anni per assicurare stabilità finanziaria al Libano e la coesione nazionale nonostante la retorica divisiva promossa dai gruppi supportati dal Qatar, Iran e Siria.