Home Politica M5S: I populisti dichiarano Salvini un “traditore”

M5S: I populisti dichiarano Salvini un “traditore”

561
M5S
M5S: I populisti dichiarano Salvini un "traditore"

DW  Il populista italiano M5S domenica ha tenuto un summit per tentare di preparare una rotta per il futuro mentre la loro coalizione con il partito di estrema destra della Lega appariva morta nell’acqua.

Sebbene il partito sia stato diviso su una serie di questioni, una cosa era chiara dopo l’incontro: l’M5S non vuole mai più lavorare con il leader del partito della Lega Matteo Salvini.

Come ha detto un membro dell’M5S al Corriere della Sera, è stato soprattutto Salvini, e non la Lega, che ha avuto il governo sull’orlo del collasso.

“Dopo gli errori che ha commesso, non possiamo più parlare con Salvini. Peccato, perché ci sono altri possibili partner all’interno della Lega.”

Il vice primo ministro M5S, Luigi di Maio, ha detto del suo vice-sostituto “nessuno ha perso la stima per Salvini più di me. Mi sono fidato di lui”.

“Il ministro traditore”

La loro collaborazione è sempre stata improbabile. M5S, iniziato dall’intrattenitore diventato politico Beppe Grillo, è un movimento populista anti-stabilimento che a volte ha faticato a definire esattamente ciò che rappresenta.

Sebbene sposi una serie di principi di sinistra come aumentare il salario minimo e aumentare le tasse sui ricchi, a volte Di Maio è stato altrettanto anti-immigrato quanto la Lega.

Un ulteriore sforzo per la già tenue alleanza è stata la tendenza di Salvini a posizionarsi come leader del paese sulla scena mondiale, nonostante serva come ministro degli interni e non come primo ministro.

La forte dimostrazione della Lega nelle elezioni europee di maggio, in particolare in relazione alla scivolata al ribasso dell’M5S nel sostegno degli elettori, ha anche contribuito a incoraggiare l’aspirante atteggiamento da uomo forte di Salvini, tagliando sempre più il Primo Ministro Giuseppe Conte e M5S dal dibattito pubblico.

Salvini è abbastanza convinto della posizione del suo partito da chiedere un voto di sfiducia contro Conte la scorsa settimana.

Tuttavia, dopo che il Senato italiano ha rifiutato di approvare la richiesta del ministro degli interni per un voto immediato, Salvini ha assunto un tono più conciliante, dicendo che avrebbe potuto continuare a governare con M5S dopo settimane in cui affermava di non poter più lavorare insieme.

Grillo ha chiamato Salvini “il ministro traditore” alla riunione di domenica, pronunciando un discorso mentre torna alla ribalta dopo aver ceduto la leadership di M5S alle generazioni più giovani più di un anno fa.

Il primo ministro Conte si rivolge al parlamento martedì prima di affrontare il voto di fiducia.