Home Politica Malta e l’Italia hanno bisogno di maggiore aiuto

Malta e l’Italia hanno bisogno di maggiore aiuto

708
Malta
Malta e l'Italia hanno bisogno di maggiore aiuto

I ministri dell’Europa si riuniscono a Malta

L’Italia e Malta stanno spingendo per un maggiore aiuto da parte delle nazioni dell’Unione Europea con i migranti salvati in mare.

I ministri degli interni dei loro paesi, così come quelli della Francia e della Germania, si incontrano a Malta lunedì per sviluppare alcuni meccanismi automatici per garantire che i soccorsi in mare siano distribuiti tra gli altri paesi e non siano di responsabilità delle nazioni in cui sbarcano.

Il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer ha affermato che l’obiettivo era quello di realizzare un “meccanismo di emergenza” per i prossimi mesi fino a quando la Commissione europea entrante potrà iniziare a lavorare su un accordo permanente.

Anche funzionari dell’UE partecipano alla riunione di Malta.

Seehofer ha affermato che le domande spinose includono quali porti possono essere utilizzati, come distribuire i migranti in Europa e anche combattere i trafficanti di esseri umani.

Per me la cosa più importante è che finalmente troviamo una soluzione per il dibattito europeo di un anno sul diritto all’asilo.

Il primo passo sarebbe un accordo sul salvataggio in mare“, ha dichiarato Seehofer, descrivendosi come “cautamente ottimista. ”

Le attuali norme dell’UE affermano che i rifugiati e altri richiedenti asilo devono rimanere nel paese in cui arrivano mentre i loro casi vengono processati, ma la maggior parte dei migranti spera di raggiungere il nord Europa per trovare lavoro o ricongiungersi con i familiari che sono emigrati con successo lì.

Il commissario europeo per la migrazione, Dimitris Avramopoulos, ha affermato che i colloqui potrebbero tracciare una via da seguire.

La nostra (massima) priorità è salvare vite umane” e la seconda è quella di reprimere le reti dei trafficanti, ha affermato Avramopoulos.

Una nuova patch di migranti sbarcano in Italia

Mentre i leader politici discutevano, i migranti a bordo dell’Ocean Viking saltarono di gioia e sollievo dopo aver sentito che gli sarebbe stato permesso di sbarcare nel porto di Messina, in Sicilia.

I 182 uomini, donne e bambini, incluso un neonato, a bordo della nave umanitaria gestita da SOS Mediterranee e Medici senza frontiere, non dovevano arrivare prima di martedì.

Sono così pieno di gioia! Non so cosa dire adesso. Sono così felice! … Non più in Libia!” Esclamò Awudu Baluduzzi, 27 anni, dal Ghana.