Home Altro Maradona in degenza ospedaliera dopo una operazione

Maradona in degenza ospedaliera dopo una operazione

719
ZURICH, SWITZERLAND - JANUARY 09: Diego Maradona arrives for The Best FIFA Football Awards 2016 on January 9, 2017 in Zurich, Switzerland. (Photo by Philipp Schmidli/Getty Images)

Il capitano dell’Argentina campione del mondo Diego Maradona è in degenza in
ospedale da Sabato dopo esseri sottoposto con successo ad una operazione allo
stomaco, ha dichiarato il suo legale.
L’ex Boca Juniors e Napoli, 58 anni, ha scoperto il problema all’inizio di gennaio durante
un controllo in ospedale a Olivo, Buenos Aires.
L’operazione di sabato, che ha fermato una emorragia causata da un’ernia, non è stata
complicata ma voleva risolvere quella che una fonte ha detto a Reuters era ‘una
seccatura’ causata dal problema.
‘L’operazione chirurgica di Diego Maradona è finita’ ha scritto su Twitter il suo avvocato
Matias Morla. ‘Grazie a Dio, tutto è andato per il meglio’.
Maradona è stato spesso in ospedale negli ultimi anni, spesso a causa del suo lifestyle
stravagante che lo ha aiutato anche ad essere considerato uno dei calciatori più
ammirati del 20esimo secolo.
Si è ammalato durante la Coppa del Mondo in Russia nel 2018, quando è svenuto
durante la partita Argentina-Nigeria.
Maradona fu portato in ospedale anche nel 2004 con gravi problemi respiratori e al
cuore legati all’uso di cocaina. In seguito ha fatto riabilitazione a Cuba e Argentina
prima che una operazione allo stomaco nel 2005 lo aiutasse a perdere peso.
Nel 2007 è stato in una clinica a Buenos Aires per problemi di alcool.
Nei mesi recenti ha avuto bisogno di camminare con le stampelle a causa di problemi
alle ginocchia.
I dottori hanno scoperto l’emorragia poco prima che Maradona volasse in Messico,
dove allena in seconda divisione il Dorados de Sinaloa.
Morla ha detto che tornerà ad allenare il club non appena il suo recupero sarà
completo.
‘Adesso aspettiamo il recupero di Diego in modo che possa tornare a lavorare il più
presto possibile’ ha detto Morla.