Home Politica ‘Mare Jonio’ sfida Roma per salvare 50 al largo della costa libica

‘Mare Jonio’ sfida Roma per salvare 50 al largo della costa libica

714
'Mare Jonio' sfida Roma per salvare 50 al largo della costa libica

Una nave di beneficenza italiana ha salvato circa 50 persone in mare al largo della Libia, spingendo Roma a avvertire che era pronta a “fermare una volta per tutte” tali navi private dal portare in salvo i migranti in Italia. L’intransigente ministro degli interni italiano, Matteo Salvini, ha più volte dichiarato le acque italiane chiuse alle navi da soccorso delle ONG e ha lasciato alcuni di loro bloccati in mare in passato nel tentativo di costringere il resto dell’Europa a prendere più richiedenti asilo. “Mare Jonio ha appena salvato un gommone in pericolo che stava affondando con una cinquantina di persone a bordo”, ha detto su Twitter il collettivo Mediterranea di gruppi di assistenza e associazioni che gestisce la nave.

I volontari a bordo della Mare Jonio hanno tirato i migranti – secondo quanto riferito hanno incluso 12 minori – da un gommone a 40 miglia nautiche al largo della costa della Libia. L’Italia, con il sostegno dell’UE, dal 2017 sta addestrando la guardia costiera libica a intercettare le barche come parte di un controverso accordo che ha portato a un brusco calo dei numeri in arrivo in Italia.

“Salvare vite umane rimane una priorità, ma immediatamente dopo gli ordini delle autorità nazionali del territorio competente devono essere rispettati, secondo le regole internazionali di ricerca e assistenza in mare. Qualsiasi deviazione da queste regole può essere letta come un’azione premeditata per portare immigrati clandestini in Italia e facilitare la tratta di esseri umani “, ha avvertito, aggiungendo che Salvini stava” firmando una direttiva “sulla questione.

La Mare Jonio è l’unica nave di soccorso a gestione privata che opera nel Mediterraneo centrale. Gli altri sono sottoposti a riparazioni, attraccati per un cambio di equipaggio o bloccati da ostacoli amministrativi o giudiziari.