Home Politica Medio Oriente: Il Qatar e gli atteggiamenti contrapposti

Medio Oriente: Il Qatar e gli atteggiamenti contrapposti

925
Qatar
Medio Oriente: Il Qatar e gli atteggiamenti contrapposti

Il Qatar spende milioni di dollari per acquistare media occidentali

Il 4 giugno, il Washington Times ha pubblicato una “sezione speciale” di articoli che elogia il Qatar, le sue istituzioni e la sua influenza globale.

Ognuno di questi articoli è stato etichettato come “sponsorizzato”, anche se il Times trascura di dire chi.

A prima vista, questo è un inserimento sorprendente in un documento conservativo il cui comitato di redazione è stato precedentemente critico nei confronti dello stato mediorientale.

Famosi think tank come la Brookings Institution hanno ricevuto decine di milioni da Doha. Brookings ha ottenuto $ 15 milioni nel 2013 e almeno $ 2 milioni nell’ultimo anno – forse molto di più.

Una partnership strategica tra Qatar e Venezuela

Gran parte dell’attenzione sugli alleati non emisferici del Venezuela si è concentrata su Cina e Russia.

Eppure, di fronte a una crisi di legittimazione senza precedenti, Caracas ha approfondito le sue alleanze con un gruppo di regimi di basso profilo – ea volte con idee simili – in tutto il mondo.

Il regime qatariota, uno dei primi alleati di Chavez, sta ancora dimostrando interesse nello sviluppo dei suoi legami economici con il Venezuela.

Ti piacerebbe anche: Michel Platini: gli ultimi sviluppi nella questione della corruzione

Maduro ha visitato Doha nel 2015 e nel 2016 per espandere la cooperazione economica sulle questioni energetiche.

La compagnia petrolifera statale venezuelana, PDVSA, ha tenuto incontri con Qatar Petroleum sulle opportunità di investimento valutate a $ 7 miliardi.

Nel frattempo, Il Qatar ha anche mostrato la volontà di unirsi agli sforzi di isolamento occidentali verso il regime di Maduro.

Il Qatar sta violando la politica dei cieli aperti con l’America

Per oltre un decennio, il Qatar ha sovvenzionato la compagnia aerea statale Qatar Airways per oltre 25 miliardi di dollari in violazione dell’accordo di aviazione con gli Stati Uniti dell’Open Skies.

Per affrontare i sussidi, l’amministrazione Trump annunciò nel 2018 che aveva ottenuto l’impegno del governo di Doha per porre fine alle violazioni degli accordi commerciali e cessare di lanciare nuovi voli direttamente tra gli Stati Uniti e paesi al di fuori del Qatar.

Eppure, il Qatar si stava già preparando a rompere l’accordo prima che l’inchiostro sul suo impegno fosse asciutto.

Nel 2017, Qatar Airways ha acquistato un’importante partecipazione in Meridiana, una compagnia italiana in difficoltà, e l’ha rinominata Air Italy, e ha annunciato che il Qatar espanderebbe in maniera massiccia Air Italy per farne la compagnia dominante tra l’Italia e il mondo.

Qatar Airways ha installato molti dei suoi massimi dirigenti in ruoli di leadership presso Air Italy. Due dei cinque membri del consiglio di amministrazione di Air Italy hanno legami con Qatar Airways.

L’intento era chiaro: reindirizzare i sussidi governativi del Qatar in Air Italy e utilizzare il vettore come proxy per Qatar Airways.

Doha e Teheran… Relazioni private

Il Qatar continua a gravitare nella cerchia iraniana avvicinandosi di giorno in giorno, tra crescenti tensioni nella regione del Golfo a seguito di ripetuti attacchi a petroliere e installazioni petrolifere da parte dell’Iran.

La piccola penisola ha molteplici facce e gioca su molte corde e crea caos e violenza in diverse regioni del mondo.

Fingere di essere filo-israeliani e fare propaganda antisemitismo attraverso i suoi canali mediatici come Il documentario fatto dalla stazione del Qatar Al-Jazeera che accusa gli israeliani di usare il comportamento nazista nelle loro azioni contro i palestinesi e ha accusato Israele e gli ebrei di usare il Olocausto per giustificare gli orribili crimini perpetrati contro i palestinesi.

se il Qatar ha molti buoni rapporti segreti con paesi come la Cina e il Venezuela, il suo stretto rapporto con l’Iran è ora pubblico e aperto.

Il presidente iraniano Hassan Rowhani ha detto alla stampa che Teheran vuole rafforzare le relazioni con Doha più di prima, ed è stato confermato pubblicamente da Emiro qatariota Tamim bin Hamad al-Thani.

Doha ha rifiutato di rispondere alle richieste dei 13 paesi, di smettere di sostenere i terroristi e la violenza negli ultimi due anni.

I FONTI: the crystal eyes, Weekly Blitz, inside sources, war on the rocks