Home sport Michel Platini: gli ultimi sviluppi nella questione della corruzione

Michel Platini: gli ultimi sviluppi nella questione della corruzione

838
Michel Platini
Michel Platini: gli ultimi sviluppi nella questione della corruzione

L’ex presidente della UEFA Michel Platini è stato rilasciato dalla custodia mercoledì dopo ore di interrogatorio in relazione a un’indagine penale sull’assegnazione della Coppa del Mondo 2022 in Qatar.

È stato preso in custodia nell’ambito di un’indagine sulla consegna del torneo in Qatar, un portavoce del Parquet National Financier confermato ad Euronews.

La leggenda del calcio francese degli anni ’80 è stata presidente della UEFA fino al 2015 quando è stato bandito dalla FIFA per violazioni etiche separate.

Tuttavia, è stato in seguito autorizzato dalle autorità svizzere da qualsiasi illecito penale.

Nelle prime ore di mercoledì, l’avvocato di Platini, William Bourdon, ha dichiarato che Platini è stato rilasciato senza accuse, aggiungendo che “c’è stato molto chiasso per niente”.

Platini, 63 anni, sembrava disegnato mentre lasciava gli uffici del PNF a Nanterre, nella periferia occidentale di Parigi.

L’organizzazione è specializzata nello studio dei reati economici e della corruzione e dal 2016 ha condotto un’indagine sull’assegnazione del torneo 2022 all’emirato del Golfo.

Sta esaminando possibili reati tra cui la corruzione privata, la cospirazione e il traffico di influenza.

La UEFA ha rifiutato di commentare, mentre i funzionari del comitato organizzatore del Qatar non sono stati immediatamente raggiunti.

La decisione nel dicembre 2010 di assegnare la Coppa del Mondo al Qatar ha sorpreso molti, data la mancanza di potenziali audience locali per i giochi, il clima estivo estremamente caldo e le scarse prestazioni della squadra nazionale del paese. Sarà il primo stato arabo ad ospitare la competizione.

Il quotidiano Le Monde ha riferito che i pubblici ministeri stavano esaminando in particolare un pranzo ospitato dall’allora presidente della Francia, Nicolas Sarkozy, nove giorni prima del voto che ha assegnato la coppa al Qatar.

Michel Platini e lo sceicco Tamim Ben Hamad Al Thani, che era il primo ministro del Qatar ed è ora l’emiro del paese, erano ospiti al pranzo.

Platini da allora ha riconosciuto di aver sostenuto il Qatar rispetto a un’offerta rivale degli Stati Uniti durante il voto, ma ha detto che Sarkozy “non gli ha mai chiesto di farlo”, ha detto il giornale.

Due degli aiutanti di Sarkozy in quel momento, poi il segretario generale dell’Eliseo Claude Gueant e il consigliere di Sarkozy per lo sport Sophie Dion, sono stati interrogati dalla polizia martedì, fonti giudiziarie confermate a Reuters.

Una portavoce di Sarkozy ha rifiutato di commentare. Non è stato possibile raggiungere immediatamente un avvocato per Dion per un commento.