Home Altro Monte Bianco a rischio di collasso parziale presto

Monte Bianco a rischio di collasso parziale presto

772
Monte Bianco
Monte Bianco a rischio di collasso parziale presto

La parte italiana del ghiacciaio del Monte Bianco è a rischio di collasso a causa dell’aumento della fusione del ghiaccio legata al cambiamento climatico, avvertono scienziati e funzionari locali.

Funzionari italiani hanno ordinato l’evacuazione dei rifugi e hanno chiuso le strade vicino al ghiacciaio Planpincieux che si trova sulle pendici del monte Grandes Jorasses, nella catena montuosa del Monte Bianco.

Il ghiacciaio si trova lungo il confine franco-italiano, vicino alla città di Courmayeur. Ma questa bestia gigante non è ferma.

Il ghiacciaio del Monte Bianco si sposta di ben 24 pollici al giorno

Il ghiacciaio si sta muovendo da 20 a 60 pollici al giorno in media, secondo un rapporto del governo regionale della Valle d’Aosta e della Fondazione Montagna Sicura, che ha portato all’avvertimento.

Ciò significa che 8,8 milioni di piedi cubici (250.000 metri cubi) di ghiaccio potrebbero potenzialmente cedere e provocare potenti valanghe, secondo una dichiarazione della città di Courmayeur in Italia.

Il sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, ha dichiarato che è colpa del riscaldamento globale.

A seguito delle segnalazioni pervenute dalle Strutture regionali e dalla Fondazione Montagna Sicura – ha detto Miserocchi – si è rilevato un significativo incremento della velocità di scivolamento del ghiacciaio Planpincieux nell’ultimo periodo.

“In base agli scenari presentati per motivi di sicurezza e incolumità pubblica, abbiamo dovuto adottare tali misure poiché lo scenario di eventuale caduta della porzione di ghiacciaio interessa questa volta il fondo valle antropizzato, in particolare la strada comunale di accesso alla località Planpincieux (che non rientra negli scenari).”

Il Monte Bianco, la montagna più alta delle Alpi, è un ghiacciaio temperato, il che significa che non si trova su uno dei poli della Terra.

Questo lo rende più vulnerabile ai cambiamenti climatici durante un’ondata di calore.

Il Monte Bianco non è l’unico scioglimento dei ghiacciai

Prendi i ghiacciai della montagna himalayana per un esempio lampante.

Dal 2000, la perdita di ghiaccio è raddoppiata, mettendo a rischio una fonte di acqua potabile per oltre un miliardo di persone.

Negli ultimi due decenni, ha perso più di un quarto di tutto il suo ghiaccio.

Prima del 2000, gli scienziati avevano affermato che i ghiacciai cadevano di poco più di un piede all’anno dal 1975 al 2000.

Ma dopo il 2000 il tasso è aumentato a poco meno di un piede e mezzo.

Non ci sono prove che questo fenomeno rallenterà.