Home Cultura Papa Francesco chiede ‘solidarietà’ per i migranti rimasti in mare

Papa Francesco chiede ‘solidarietà’ per i migranti rimasti in mare

1081

Papa Francesco ha chiesto ai leader Europei di aiutare i 49 migranti bloccati in mare dopo che due navi di salvataggio non hanno ricevuto il permesso di attraccare a porti sia in Italia che a Malta.

‘Faccio un accorato appello ai leader Europei affinchè mostrino completa solidarietà per queste persone.’ ha detto il pontefice alla folla riunita a Piazza San Pietro, Domenica.

La nave Olandese Sea Watch 3, che è operata da una organizzazione umanitaria Tedesca, ha salvato 32 migranti incluse donne, bambini e minori non accompagnati, dalla costa della Libia il 22 Dicembre.

See Eye, un altro gruppo umanitario, ha dichiarato che anche la sua nave è bloccata a largo di Malta dopo aver salvato 17 persone nel mar Mediterraneo, il 29 Dicembre.

Il dottore a bordo di Sea Watch 3 – che non ha potuto attraccare per 16 giorni –  ha dichiarato che alcuni migranti avevano mal di mare e stavano diventando sempre più disperati.  Il 4 Gennaio, Sea Watch ha detto che un migrante ha tentato di tuffarsi e nuotare verso Malta prima di essere stato preso e riportato a bordo.

‘La situazione a bordo sta diventando sempre più instabile. Ogni giorno il livello di stress aumenta’ ha dichiarato il dottore identificato solo come Frank in un video su Twitter. ‘E’ una situazione davvero al limite che ha bisogno di risolversi il prima possibile.’

Italia e Malta sono in disaccordo su chi dovrebbe prendere i migranti e entrambe rifiutano di aprire i porti nonostante le pressioni dei gruppi umanitari.

Il 3 Gennaio, Malta ha permesso alle due navi di attraccare a causa di una tempesta, ma non ha permesso a nessuno di sbarcare.

Il primo ministro Maltese Joseph Muscat ha dichiarato in un annuncio online che non vuole creare un precedente permettendo ai migranti di attraccare a Malta.

‘E’ facile essere buoni a Natale, ma quando arriva Gennaio, Febbraio e il periodo estivo dovremmo fare lo stesso’ ha aggiunto Muscat.

Muscat ha detto che la sua nazione ha salvato circa 250 persone in mare durante il periodo di Natale ‘senza protestare’ ma che non era sua responsabilità prendere i 49 migranti in quanto non erano stati salvati in acque Maltesi.

Anche l’Italia ha rifiutato le navi. Il ministro dell’interno Salvini, che è anche primo ministro ed è un membro del partito populista anti immigrazione, ha detto che la nazione ha preso ‘troppi finti rifugiati’.

‘Il traffico umano deve essere fermato’ ha scritto su Facebook spiegando la sua decisione di tenere i porti italiani chiusi. ‘Le persone che scappano dovrebbero venire in Italia con l’aereo, come già fanno in tanti, non con la nave. Possiamo mandare medicine, cibo e vestiti sulle navi, ma basta con questi ricatti’.

Filippo Grandi, alto commissario per i rifugiati delle NU, ha dichiarato che le Nazioni Unite hanno ricevuto offerte da stati Europei per ricevere i migranti a bordo di Sea Watch 3 e Sea Eye ma non ha fornito altri dettagli.

Nonostante abbia avvertito che ‘a meno che non ci sia un accordo sugli sbarchi e su un sistema di ripartizione dei migranti, le negoziazioni continueranno a gravare su chi soffre e sulle tensioni in Europa’.

Charlie Yaxley, portavoce dell’agenzia per le Nazioni Unite per l’Asia e l’Europa ha dichiarato che ‘il 2019 deve vedere la fine di questo modo di fare per permettere alle navi di poter attraccare e aiutare i rifugiati e i migranti’.

Queste navi non sono le prime ad essere bloccate in mare.

L’Acquarius, una nave di salvataggio operata da Medici Senza Frontiere e SOS Mediteranee, sono stati bloccati in mare per 10 giorni a Luglio dopo i continui rifiuti di permesso di attracco ai porti Itaiani e Maltesi.

A Dicembre, le due organizzazioni umanitarie hanno dichiarato che avrebbero smesso le loro operazioni, a causa degli attacchi dell’Italia e altre nazioni.

Un mese prima, un procuratore Italiano ha ordinato il sequestro della nave in quanto i membri della crew avrebbero violato le leggi sul trattamento dei rifiuti.

L’ultimo incidente segue l’implementazione di un accordo delle Nazioni Unite a Dicembre, nel quale gli stati si sono accordati a condividere le responsabilità sui migranti.

Il patto, noto come Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration, è stato firmato in Marocco da 164 nazioni, inclusa Malta. Una delegazione Italiana non si è presentata alla conferenza e Salvini ha annunciato che l’Italia ne discuterà in parlamento.

Jeff Crisp, un esperto in migrazione all’università di Oxford in Inghilterra, ha detto che tutti gli attuali problemi con i migranti stanno marcando un ‘brutto inizio’ per il primo anno di accordo sulla condivisione della responsabilità