Home Cultura Perché c’è una piramide in stile egiziano nel cuore di Roma?

Perché c’è una piramide in stile egiziano nel cuore di Roma?

5
Piramide Cestia, Roma
Perché c'è una piramide in stile egiziano nel cuore di Roma?

La Grande Piramide di Giza è indubbiamente una delle icone più conosciute dell’antico Egitto. Tuttavia, piramidi simili si trovano sparse in tutto l’Egitto e oltre. Nel 30 a.C., l’Egitto divenne una provincia dell’Impero Romano, e i Romani lanciarono addirittura una spedizione militare nel territorio Kushita nel 23 a.C.

È possibile che l’incontro con le piramidi egizie abbia influenzato la costruzione della Piramide di Cestia in uno dei luoghi più improbabili, Roma.

È la tomba del ricco pretore Caio Cestio Epulone, costruita poco prima del 12 a.C., l’anno della sua morte. Fu costruito poco dopo la conquista dell’Impero in Egitto, in un periodo in cui tutto ciò che aveva a che fare con la cultura di questa nuova provincia era estremamente alla moda a Roma.

Alta 36,40 metri e in piedi su una fondazione di travertino, che misura appena 30 metri quadrati alla base, è realizzata in cemento. Il lavoro è stato completato, secondo un’iscrizione sulla facciata anteriore, in 330 giorni.

In realtà, la Piramide di Cestia non era l’unica piramide in stile egizio a Roma. C’era anche un’altra piramide, conosciuta come la “Piramide di Romolo”. Per inciso, durante il Medioevo, la Piramide di Cestia era conosciuta come la “Piramide di Remo”, e si credeva che queste due piramidi fossero le tombe dei leggendari fondatori di Roma.

La più grande “Piramide di Romolo”, situata tra il Vaticano e Castel Sant’Angelo, è stata smantellata nel corso del XVI secolo in modo che il suo marmo potesse essere utilizzato nella costruzione della Basilica di San Pietro.