Home Cultura Perché così tante statue antiche mancano il naso?

Perché così tante statue antiche mancano il naso?

3510
Statue antiche

Questa è una domanda che molte persone hanno posto. Se hai mai visitato un museo, probabilmente hai visto statue antiche con un naso mancante.

Un naso rotto o mancante è una caratteristica comune delle sculture antiche di tutte le culture e di tutti i periodi della storia antica.

Non è affatto una caratteristica limitata alle sculture di una particolare cultura o epoca.

statue antiche
La Grande Sfinge d’Egitto

Alcune persone sembrano avere una falsa impressione che il naso sulla maggior parte di queste statue sia stato deliberatamente rimosso da qualcuno.

È vero che alcune sculture antiche sono state effettivamente deliberatamente deturpate dalle persone in vari momenti per diversi motivi.

Invece, la ragione del naso mancante ha semplicemente a che fare con l’usura naturale che la scultura ha subito nel tempo.

Il fatto è che le statue antiche hanno migliaia di anni e nel corso del tempo hanno subito una notevole usura naturale.

Parti di sculture che sporgono, come naso, braccia, teste e altre appendici sono quasi sempre le prime parti a rompersi.

Altre parti che sono fissate in modo più sicuro, come gambe e torsi, hanno generalmente maggiori probabilità di rimanere intatte.

Le sculture greche come le vediamo oggi sono semplicemente bucce logore della loro antica gloria.

Originariamente erano dipinti con colori vivaci, ma la maggior parte dei pigmenti originali è sbiadita o sfaldata molto tempo fa, lasciando scoperto il marmo bianco e nudo.

Alcune sculture eccezionalmente ben conservate ancora mantengono comunque tracce della loro colorazione originale.

Una teoria diversa

Gli antichi egizi credevano che le sculture fossero vasi per le persone che erano morte e che parte della loro anima potesse vivere nella statua, quindi è per questo che sono state messe nelle tombe.

Per quanto riguarda i ladri di tombe, distruggerebbero il naso sulle statue in modo da non poter più “respirare”.

In tal modo, credevano che gli spiriti che erano dentro le sculture non potevano cercare vendetta contro coloro che li derubavano.