Home Politica Proteste contro il nuovo governo di Conte: c’è Salvini

Proteste contro il nuovo governo di Conte: c’è Salvini

828
proteste

Proteste in piazze

L’ex ministro degli interni, Matteo Salvini, scende in piazza partecipando nelle proteste di estrema destra contro le mosse del nuovo governo di coalizione per annullare le sue politiche intransigenti.

La scorsa settimana i 21 membri del nuovo gabinetto hanno segnalato un approccio più morbido all’immigrazione al loro primo incontro.

Una delle loro prime mosse fu quella di sfidare le misure anti-migranti introdotte nella regione nordorientale del Friuli Veneto Giulia, una roccaforte del Partito della Lega di estrema destra di Salvini, definendole “discriminatorie”.

Salvini il mese scorso ha affondato il governo di coalizione tra la Lega e il M5S.

Il suo piano di tornare come primo ministro tramite elezioni anticipate è stato vanificato dal M5S che ha accettato di unirsi a una nuova coalizione con il Partito Democratico (PD).

Salvini ha usato il suo ruolo nel precedente governo per promuovere la posizione aggressiva del suo partito contro l’Unione europea e condurre una guerra contro le navi di beneficenza che salvano i migranti nel Mediterraneo.

Nel frattempo…

La nuova ministro degli Interni, Luciana Lamorgese ha il delicato compito di adattare il lavoro manuale di Salvini senza demolire le politiche che lo hanno reso il politico più popolare del Paese, con un supporto ancora superiore al 30%.

Lamorgese è una funzionaria di 65 anni che in passato ha servito ministri degli interni da sinistra e da destra.

A differenza del suo predecessore, non usa i social media e pochi sono sicuri di cosa aspettarsi.

“Abbiamo potuto vedere la parziale rimozione dei precedenti decreti di sicurezza del governo che consentiva il sequestro delle navi migranti e l’arresto delle ONG”, ha detto al Telegraph Lorenzo Castellani, professore di scienze politiche all’Università Luiss di Roma.

“Il nuovo governo sta cercando un approccio più morbido, ma l’elettorato non ha cambiato idea sull’immigrazione”, ha detto.

Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, ha dato il benvenuto al nuovo governo la scorsa settimana, ma alcuni diplomatici di Bruxelles hanno espresso le loro riserve.