Home Uncategorized Qatar tra verità e accuse: segreti rivelati per la prima volta da...

Qatar tra verità e accuse: segreti rivelati per la prima volta da Jean-Pierre Marongiu, un prigioniero francese a Doha

2902
Qatar
Qatar tra verità e accuse: segreti rivelati per la prima volta da Jean-Pierre Marongiu, un prigioniero francese a Doha

Sognando di successo e ricchezza, è venuto dal suo affascinante paese, la Francia, in un piccolo paese del Medio Oriente. Nonostante la sua esitazione all’inizio, ha fatto le valigie e si è diretto verso l’aeroporto di Doha, un viaggio che sembra breve quando lo raccontamo, ma ha anni di problemi tra ognuno delle sue caratteristiche.

È Jean-Pierre Marongiu, un cittadino francese che ha trascorso più di quattro anni in prigione. In un’intervista privata per il sito “Arab mubasher” racconta il suo viaggio dalla sua lussuosa città di Parigi ai corridoi delle prigioni del Qatar

Come sei entrato nella prigione in Qatar?

Sono un esperto di amministrazione e riconosciuto a livello internazionale, in particolare per quanto riguarda i progetti di costruzione e l’installazione di strutture petrolifere e del gas. Le conferenze si sono svolte in Europa, quando una delegazione del Qatar Petroleum è venuta per incontrarmi a Londra e poi a Roma per creare un centro di formazione professionale a Doha.

All’inizio ho rifiutato, poi accettato in determinate circostanze, dove ho pensato che fosse conforme alla mia etica, ai miei valori e alla mia indipendenza.

La società emergente Pro & Sys e il suo sistema, di cui ero l’unico investitore e l’amministratore delegato, è stata esposta all’abuso delle procedure di garanzia in Qatar. Il che significa, tra le altre cose, che il partner locale avrà il diritto di possedere il 51%, e quindi obbligarmi qualsiasi nuova attività.

Dopo sei anni di successo, lo sponsor ha proposto di unire Pro & Sys nel suo gruppo di società, e io avevo investito due milioni e 350 euro nella società e quindi ho chiesto un recupero degli investimenti del 10% delle plusvalenze.

Il mio sponsor Sheikh Faisal Al Thani, un membro della famiglia reale, mi ha immediatamente assicurato che questa soluzione legale potrebbe essere risolta attraverso un accordo laterale che mi conferirebbe il diritto di firmare e di essere registrato con un avvocato per garantire il pieno controllo dell’azienda e l’80 per cento dei profitti.

In quel momento tutto andava bene fino a quando lo sponsor mi disse che non avrei guadagnato un soldo, che la compagnia era sua, sotto il sistema di sponsorizzazione, e mi diede una settimana per lasciare il Qatar, però ho rifiutato di perdere tutti i risparmi della mia vita in questo modo.

Pensi che ci siano misure rapide contro investitori e lavoratori stranieri a Doha?

– In Qatar, l’emissione di assegni senza saldo è una ragione per portare le persone in carcere da uno a tre anni. Ho pagato il più possibile liquidando tutte le mie proprietà, e alla fine ci sono stati 6 assegni non pagati e sono stato condannato a sette anni di reclusione.

La  prigione .. Come era?

– Sono stato imprigionato per la prima volta in un centro di detenzione, in attesa di giudizio finale. Questo posto era in realtà un edificio, o un corridoio, costruito in cemento, non raggiunto dalla luce del giorno o dall’acqua corrente. C’erano centinaia di persone ammassate in questo corridoio, lungo appena dieci metri e largo quattro metri.

Il cibo avariato viene gettato da noi due volte al giorno e le guardie lo gettano a terra, quindi non devono entrare nell’edificio. Anche i topi non potevano mangiare questo cibo, però preferiscono attacare i prigionieri deboli di notte.

Sono stato picchiato dalle guardie ogni volta che mi ribellavo. Ho fatto tre scioperi della fame senza che nessuno intervenisse. Non c’erano medici o infermieri. Ho visto la gente morire e lasciata a terra per giorni.

Mi hai detto che sei stato torturato psicologicamente e fisicamente. Puoi spiegarlo?

Ogni volta che parlavo con i media francesi, ogni volta che veniva pubblicato un articolo o un’intervista, ero soggetto a un aumento delle pene e della violenza, venivo messo in isolamento in celle senza luce e senza cibo. Sono stato minacciato di esecuzione tante volte.

Una volta sono stato bendato, con la schiena al muro e colpito. Le guardie si sono godute le sparatorie sopra le nostre teste con il gioco del fuoco: mentre le pallottole mi passavano vicino alla testa, queste guardie ridevano sulla scena.

FONTE: ARAB MUBASHER