Home Tech Quanto Google sa davvero di te? – La risposta è sorprendente

Quanto Google sa davvero di te? – La risposta è sorprendente

919
Google

Hai mai pensato a quanto Google partecipa alla tua vita quotidiana?

Che si tratti del motore di ricerca che digiti sul lavoro, ti aiuta a passare dalla A alla B in un fine settimana con Google Maps o al server di posta elettronica che controlli ogni mattina.

Tuttavia, il gigante della tecnologia americano è probabilmente più coinvolto nelle tue normali attività di quanto immagini.

Google è un esempio di crescita straordinaria negli affari; avendo iniziato come startup e ora sostenendo la ricerca su Internet di quasi tutti i paesi del mondo.

Sono gli operatori del più grande server di posta elettronica, Gmail e strumenti di produttività host come Google Docs, che è gratuito rispetto a Microsoft Office.

Hanno il sistema di mappatura web più grande e affidabile: Google Maps e per aggiungere all’elenco, l’azienda è lo sviluppatore dietro i telefoni Android e, naturalmente, l’app store Android.

Ma ci siamo mai fermati a pensare come sono arrivati lì?

Parlando in un podcast di Guardian Today in Focus, il loro editor di tecnologia nel Regno Unito, Alex Hern, ha rivelato come Google recupera i tuoi dati personali, cosa ne fa e come puoi impedire a Google di tracciare ogni tua mossa.

“Sanno solo dove sei andato a pranzo, per quanto tempo sei rimasto lì, probabilmente con chi sei andato, a seconda della configurazione – forse se ne avessi inviato un’email, Google saprebbe perché sei andato, di cosa hai parlato [se fosse menzionato nell’email] “.

“Naturalmente, se uno di voi ha un telefono Android e l’Assistente Google è stato attivato, allora avrà anche registrato una breve parte della conversazione e l’ha inviato ai server di Google.”

Anche se non sapranno cosa hai ordinato esattamente, Alex ha continuato dicendo che Google probabilmente sa cosa ti piace mangiare dalle precedenti ricerche di ristoranti e ricevute di asporto inviate via email al tuo account Gmail.

Alla domanda su cosa farebbero con quei dati, Alex ha detto che “non gliene frega niente” della maggior parte “, ma ce l’hanno ancora, e ciò a cui tengono potrebbero cambiare”.

Alex ha continuato: “Raccolgono passivamente i dati sedendosi lì e salvando tutto ciò che viene loro detto.

“A poco a poco, la personalizzazione ha iniziato a insinuarsi, dove avrebbero guardato ciò su cui hai fatto clic e alterato i risultati di ricerca personali, quindi hanno iniziato a salvare la cronologia delle ricerche e salvare ciò su cui fai clic per suggerire annunci pubblicitari.”

In che modo Google utilizza queste informazioni?

Alex ha dichiarato: “La società è attenta a come elabora tali informazioni – non le usano tutte.

“Google non legge il contenuto delle tue e-mail per la pubblicità: molte di esse sono contenute come testo non modificato, ma sono ancora sui loro server, quindi lo sanno, ma direbbero che non lo fanno.”

Guardando indietro di 30 anni alla “repressione della discesa politica” da parte della Stasi, il podcast mette a confronto il modo in cui le persone oggi si fidano di Google, ma si chiede cosa accadrà se qualcuno le acquisterà negli anni successivi – cosa accadrà a quei dati?

Google ha risposto al podcast e ha affermato di non leggere le e-mail e di non offrire servizi basati su di esse.