Home Politica Roma vuole essere il partner più stretto di Washington in Europa

Roma vuole essere il partner più stretto di Washington in Europa

1125
Washington
Roma vuole essere il partner più stretto di Washington in Europa

Matteo Salvini ha dichiarato che l’Italia vuole essere il partner più stretto di Washington in Europa durante la sua visita nella capitale degli Stati Uniti per i colloqui con l’amministrazione Trump.

Salvini ha chiarito che vede un’opportunità per stringere rapporti più stretti tra Stati Uniti e Italia in un momento di turbolenze europee e di allineamento tra governi populisti in entrambi i paesi.

Dopo un incontro con il segretario di stato, Mike Pompeo, il vice primo ministro italiano ha dichiarato ai giornalisti: “In un momento in cui le istituzioni dell’Unione europea sono fragili e cambiano in modo significativo, l’Italia vuole essere il partner più solido, efficace, coerente e credibile per gli Stati Uniti.”

Salvini ha alimentato i rapporti con Trump dalla seconda campagna elettorale presidenziale, e ha affermato che mentre altri paesi hanno “scelto strade diverse”, l’Italia ha voluto tornare ad essere il “partner più importante dell’Europa continentale per la più grande democrazia occidentale”.

“E non solo per interessi economici e commerciali”, ha detto ai giornalisti dopo essere arrivati a Washington. “Ma anche per la nostra visione comune del mondo, dei valori, del lavoro, della famiglia e dei diritti”.

Durante una conferenza stampa all’ambasciata italiana a Washington, Salvini ha trascorso poco tempo a discutere il proprio ruolo nel reprimere le barche che cercano di salvare i migranti che attraversano il Mediterraneo dal Nord Africa.

Si è invece concentrato su una “visione condivisa” con l’amministrazione Trump di “Iran, Venezuela, Libia, la situazione in Medio Oriente, il diritto di Israele ad esistere” e “preoccupazioni per l’arroganza cinese nei confronti dell’Europa e del continente africano”.

Salvini ha preso le distanze dalla firma da parte dell’Italia di un accordo che l’ha visto diventare il primo membro del G7 ad aderire alla rete di scambi globali “New Silk Road” della Cina, che gli Stati Uniti considerano con sospetto come un mezzo per espandere l’egemonia cinese.

Salvini ha detto di aver convinto Pompeo a visitare la regione italiana centrale d’Abruzzo, da dove provenivano i suoi nonni, e ha giocato i legami ideologici con altri paesi.