Home sport Serie A: un’occhiata sui cambiamenti dei 2 Milan

Serie A: un’occhiata sui cambiamenti dei 2 Milan

854
Milan
Serie A: un'occhiata sui cambiamenti dei 2 Milan

MILANO: I vicini Inter Milan e AC Milan iniziano entrambi con nuovi allenatori, la Fiorentina sarà sotto nuova proprietà mentre il razzismo si nasconderà a disagio vicino alla superficie nella nuova stagione di Serie A che inizia sabato.

Ecco le cose da tenere d’occhio.

L’Inter di Conte può sfidare seriamente per lo Scudetto?

Con tre diversi proprietari e 13 allenatori negli ultimi 10 anni, l’Inter sembra essere una squadra perennemente in transizione.

L’ultimo nel sedile tecnico è il focoso Antonio Conte, che ha portato la Juventus a tre titoli successivi tra il 2011 e il 2014.

Il 50enne ha sostituito Luciano Spalletti che, nonostante abbia portato l’Inter in Champions League in ciascuna delle sue due stagioni in carica, non è mai riuscito a produrre la consistenza necessaria per sfidare la Juventus per il titolo.

Conte ha già annunciato che non vuole più Mauro Icardi, che è stato il miglior marcatore dell’Inter in ciascuna delle ultime cinque stagioni, ma è spesso visto come un’influenza dirompente dopo una serie di controversie fuori campo.

L’Inter non è stata timida nel mercato dei trasferimenti, firmando in avanti Romelu Lukaku e Valentino Lazaro, i centrocampisti Stefano Sensi e Nicolo Barella e il difensore Diego Godin mentre ha rilasciato l’ala Ivan Perisic e il centrocampista Radja Nainggolan.

Sarà affascinante vedere se Conte riuscirà a mettere tutto insieme al primo tentativo.

AC Milan può farlo bene questa volta?

La stagione del Milan inizia invariabilmente tra grandi speranze dopo una raffica di nuovi acquisti e un nuovo allenatore – solo per la disillusione che si presenterà intorno a metà ottobre.

Questa volta, Marco Giampaolo è stato ingaggiato per sostituire il vecchio favorito del club Gennaro Gattuso nella hot seat.

I nuovi acquisti hanno incluso il centrocampista vincitore della Coppa d’Africa in Algeria Ismael Bennacer e l’attaccante portoghese Rafael Leao, oltre a Krzysztof Piatek e Lucas Paqueta, che hanno entrambi avuto un rapido impatto dopo essersi uniti a gennaio.

È logico, tuttavia, che il Milan abbia speso più saggiamente questa volta e abbia una squadra più equilibrata, mentre la carriera di Giampaolo è cresciuta costantemente ed è arrivato dopo tre consistenti stagioni alla Sampdoria.