Trump ha invertito la rotta su Huawei. Ora che succede?

    829
    Huawei

    Sei settimane dopo che la Huawei era stata inserita nella lista nera dal governo degli Stati Uniti, il presidente Donald Trump aveva ciò che la compagnia di telecomunicazioni cinese aveva descritto come una “inversione a U”.

    Trump ha dichiarato sabato che “le aziende statunitensi possono vendere le loro apparecchiature a Huawei”, consentendo alle transazioni di non presentare “un grande problema di emergenza nazionale”.

    I commenti di Trump al G20 in Giappone sono arrivati dopo un incontro molto atteso con il presidente cinese Xi Jinping.

    Le due parti si sono incontrate per discutere l’impasse nella disputa commerciale e Huawei, uno dei maggiori produttori di smartphone al mondo, è diventato un punto di infiammabilità nella battaglia.

    A maggio, il Dipartimento del commercio degli Stati Uniti ha vietato la vendita di prodotti di produzione americana a Huawei senza prima ottenere una licenza.

    Funzionari statunitensi hanno accusato la compagnia di lavorare per minare gli interessi di sicurezza nazionale e di politica estera degli Stati Uniti.

    Trump ha detto che Huawei faceva ancora parte delle discussioni commerciali in corso tra Washington e Pechino, ma per ora, si sarebbe trasferito per riprendere permettendo alle aziende statunitensi di vendere parti alla ditta cinese.

    Il Dipartimento del Commercio, che ha emanato il divieto contro Huawei a maggio, non ha risposto alle richieste di commenti su come modificherà lo stato dell’azienda.

    La Casa Bianca non ha risposto immediatamente alle domande sul fatto che avesse già chiesto a Commerce di riesaminare il problema.

    Huawei ha risposto su uno dei conti twitter ufficiali della società: “U-turn? Donald Trump suggerisce che avrebbe permesso a #Huawei di acquistare ancora una volta la tecnologia degli Stati Uniti!”

    Huawei ha negato le accuse di illecito. E nelle ultime settimane si è fatto pressione per riacquistare l’accesso ai prodotti statunitensi, che sono fondamentali per la sua catena di approvvigionamento.

    Huawei fa molto affidamento su chip di computer importati da aziende come Intel (INTC) e Micron (MICR). Google ha anche fornito l’azienda con il suo sistema operativo Android.

    Fonte: CNN