Un grave incendio a Siniscola, Sardegna

    437
    Incendio Siniscola

    L’enorme incendio scoppiato in Sardegna, tra le campagne di Siniscola, ha causato la morte di animali e bruciato anche campi coltivati e strutture e attrezzature di aziende agricole.

    Sono continuate per tutta la notte le operazioni di spegnimento del vasto incendio che si è sviluppato ieri sera, poco dopo le 21, lungo la statale 131 Dcn, nel territorio di Siniscola.

    Alimentate dal forte vento le fiamme hanno bruciato decine di ettari di bosco fino ad arrivare alla frazione di Murtas Artas, vicino alla zona industriale, dove sono state evacuate una quindicina di famiglie.

    L’incendio è stato circoscritto soltanto all’alba, è in fase di contenimento ma ancora non del tutto spento. Al momento non risultano feriti.

    Canadair bloccati dal vento

    Fin dalle prime luci del mattino sul posto hanno operato due Canadair e tre elicotteri della flotta regionale antincendi.

    I mezzi aerei, però, sono stati costretti a ritirarsi dopo qualche ora a causa delle condizioni proibitive del forte vento di maestrale che continua a soffiare.

    “Il vento soffia ancora molto forte e non si può mai dire in questi casi – ha dichiarato il sindaco di Siniscola Gianluigi Farris – le fiamme hanno raggiunto la zona industriale, ma sembra che siano riusciti a fermarle prima dell’agglomerato produttivo. Speriamo che si riesca a spegnerle in breve tempo”.

    Sul posto hanno operato tutta la notte 25 squadre a terra tra Corpo Forestale, Agenzia Forestas e volontari e sette squadre dei vigili del fuoco.

    Coldiretti Sardegna parla di “disastro ambientale oltre che economico”, in base alle prime informazioni raccolte dagli associati del posto.

    L’allerta incendi in Sardegna resta alta, con la Protezione civile regionale che ha esteso all’intera giornata di oggi il codice arancione per alto pericolo di incendi.