Home Politica Una lobby USA è stata pagata dal Qatar 4 milioni di...

Una lobby USA è stata pagata dal Qatar 4 milioni di dollari da una misteriosa firma PR.

766

 Una lobby  Americana ha ricevuto circa 4 milioni di dollari nel 2017 da una firma PR che pare sia legata al governo del Qatar, in quella che un analista ha detto era un tentativo continuo di Doha di fare favori a Washington.

 

Stonington Strategies, che è gestita da una ben nota lobby pro-Qatar, ha ricevuto due pagamenti di 1.95 milioni di dollari alla fine del 2017 da una compagnia  chiamata Blue Fort Public relations, secondo un Foreign Agents Registration Act (FARA).

 

Nel corso dei sei mesi di contratto, Stoning Strategies ‘ha fatto senior level introductions, ha organizzato viaggi, e ha gestito i dialoghi fra compagnie Americane e del Qatar’ . Il documento fa una lista di 15 business Americani che hanno avuto consulenza.

 

L’accordo è stato firmato da Nick Muzin, ed ha coinvolto dei pagamenti pari a 2.1 milioni di dollari ad una compagnia chiamata Lexington Strategies, che è gestita dal lobbista Joey Allaham.

 

I due hannno già attirato l’attenzione per i loro modi ‘ non convenzionali’ negli USA a nome del Qatar, come riportato dal magazine Mother Jones.

 

‘Non ci sarebbero ragioni’ per Muzin di registrare il contratto semestrale sotto la legislazione FARA a meno che non credeva che lo stato del Qatar poteva considerarsi un beneficiario della lobby, come nota il magazine.

 

Menre il lobbying è un’attivita accettabile, un analista ha affermato che il Qatar ha spesso usato ‘mezzi illegittimi’ nei  suoi tentativi di guadagnare favori.

 

L’ultimo tentativo segue delle accuse fatte da diversi ‘vicini’ del Qatar, che affermano che il Qatar finanzi gruppi terroristici ed estremisti in tutto il mondo.

 

Il Qatar ha usato diversi mezzi negli ultimi 20 anni per i propri interessi e per quelli dei suoi alleati…estremisti’ dichiara Ghanem Nuseibeh, fondatore di Cornestone Global, un’agenzia di consulenza del Medio Oriente.

 

‘Il Qatar utilizza i suoi canali mediatici e fa da influencer con vari mezzi, spesso illegittimi, violando le leggi dei Paesi dove spesso opera.’

 

‘Il Qatar è noto per aver usato hacking illegale e fake news propagandistiche per indebolire coloro che percepisce come un rischio per le sue attività’.