Home Uncategorized Una tempesta devasta un campo di rifugiati Siriani in Libano.

Una tempesta devasta un campo di rifugiati Siriani in Libano.

4

 

ARSAL, Libano – Le forti piogge e la neve hanno devastato diversi accampamenti per rifugiati Siriani in Libano e migliaia di persone hanno bisogno di assistenza.

I più colpiti sono i rifugiati che vivono ad Arsal, una montagnosa area di confine nel nord del Libano dove i tetti delle capanne sono crollati sotto il peso della neve.

‘Guarda questo maltempo, siamo tagliati fuori da tutto, le tende sono crollate, ci rivolgiamo a Dio’ ha detto un rifugiato ad AFP mentre i fiocchi di neve cadevano sul vestito nero.

‘La tempesta è arrivata ieri ed è è caduta più di metro di neve’ ha detto un altro rifugiato.

‘Non abbiamo cibo, niente pane,e le strade sono chiuse da ieri’.

La neve non è inusuale in quest’area ma il Libano è stato colpito da giorni da un meteo estremo e da una tempesta chiamata ‘Norma’.

Le scuole sono chiuse in tutta la nazione, le strade sono tagliate fuori dagli allagamenti e l’acqua ha invaso i sotto passi di Beirut, mettendo nel caos il traffico della capitale.

Il Libano ospita circa 1.5 milioni di rifugiati Siriani, molti dei quali vivono in accampamenti che non hanno infrastrutture.

L’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite ha detto che c’è bisogno di mettere in pratica delle misure di sicurezza per salvare le famiglie e aiutare coloro che stanno soffrendo per il freddo.

‘In tutto il Libano, almeno 66 accampamenti di fortuna sono stati gravemente colpiti dalle alluvioni, 15 dei quali sono totalmente allagati o crollati’ ha detto il portavoce Lisa Abou Khaled.

‘Circa 300 persone sono state spostate nel nord e nell’est a Bekaa’.

L’agenzia delle UN e i suoi partners stanno distribuendo beni di prima necessità come nuove tende, coperte, materassi e kit per il drenaggio.

‘L’UNHCR e i partner stimano che circa 850 accampamenti che ospitano 50000 rifugiati, sono a rischio di allagamento’ ha detto Abou Khaled.

Il maltempo ha anche colpito i Siriani nella loro nazione.

Le tende sono state allagate in un campo nella provincia settentrionale di Idlib, ultima roccaforte ribelle al confine con la Turchia.

Le forti piogge e le folate di vento hanno spazzato via vestiti e mobilia, sotterrandoli sotto il fango.

‘L’alluvione ha spazzato via tutto: tende, coperte e altro’ ha detto Faisal Abu Zeid, che arriva dalla provincia di Hama.

‘Non abbiamo ne cibo ne acqua…25 famiglie hanno trovato rifugio nella moschea della città di confine di Atme’.