Home Altro Venezia: lo schianto della crociera provoca scintille di proteste

Venezia: lo schianto della crociera provoca scintille di proteste

994
Venezia
Venezia: lo schianto della crociera provoca scintille di proteste

Una collisione su un canale affollato a Venezia sta scatenando nuove chiamate per vietare le navi da crociera nella zona.

Ieri il transatlantico della MSC Opera ha perso il controllo – l’enorme nave non è riuscita a fermarsi.

Sul molo, la gente fuggì mentre la torre, alta 13 piani, con il clacson a tutto volume, si schiantò su una barca sul fiume molto più piccola e su un molo affollato. Cinque persone sono state ferite.

Quattro turisti femminili – un’americana, una neozelandese e due australiane di età compresa tra 67 e 72 anni – sono state ferite cadendo o cercando di scappare quando la nave da crociera ha speronato in barca turistica sulla Contessa nel Canale della Giudecca di Venezia, hanno riferito le autorità mediche.

Uno degli australiani a bordo della nave fuori controllo descrisse il momento surreale in cui si rese conto che l’enorme nave non stava girando. Era seduto sul suo balcone a fare colazione quando vide “gente che correva dappertutto” mentre la nave correva verso il molo.

Il filmato, dal terminal crociere di San Basilio a Venezia, è stato catturato verso le 8:30 del mattino. Mostrò che il clacson della MSC Opera suonava mentre saliva nel molo, raccogliendo una barca turistica locale nel processo.

La MSC Opera raschiò lungo la banchina, con il motore a tutto gas, prima di precipitare sulla barca turistica di Michelangelo.

MSC Crociere, una linea di navi da crociera internazionali con sede a Ginevra,dice la sua nave da crociera, che ospita più di 2.600 persone, aveva riferito di problemi al motore mentre entravano in porto domenica mattina, e le rimorchiatori che cercavano di guidarlo in sicurezza non erano abbastanza forti.

La compagnia dice che sta collaborando con le autorità per capire cosa è successo.

La speculazione sulla causa dell’incidente suggerisce che potrebbe essere accaduto dopo che un cavo usato per collegare le navi da crociera ai rimorchiatori che li hanno tirati nei canali della città si sono rotti, ha detto il Corriere della Sera.

“I due rimorchiatori hanno cercato di fermare il gigante e poi si è rotto un cavo di rimorchio, tagliato dalla collisione con il battello fluviale”, ha detto a ANSA Davide Calderan, presidente di un’associazione di rimorchiatori a Venezia.

Guarda il filmato: ANSA