Home Tech Estrai la USB prima che venga espulsa in modo sicuro?

Estrai la USB prima che venga espulsa in modo sicuro?

1187
USB
Estrai la USB prima che venga espulsa in modo sicuro?

Siamo stati tutti colpevoli di rimuovere la nostra chiavetta USB dai nostri computer invece di espellerla correttamente.

Ma quando tutto la prossima volta su USB funziona alla perfezione, non si può fare a meno di chiedersi:

È essenziale espellere in modo sicuro la USB prima di rimuoverla?

Bene, abbiamo fatto una piccola ricerca di fondo e si scopre che: si, è importante.

In effetti, attendere quei 30 secondi in più per espellere in modo sicuro potrebbe aiutare a salvare correttamente i dati e il software.

Ma il rischio dipende davvero dal tuo sistema operativo e da cosa stai effettivamente facendo con l’unità USB.

Come ha spiegato Phillip Remaker a Quora (in una risposta che ora ha più di 40 milioni visualizzazioni), i nostri sistemi operativi sono stati programmati per trattare le nostre unità esterne – come chiavette USB – come se fossero sempre lì.

Si aspetta che i file su di esso rimangano accessibili indefinitamente e questo cambia il modo in cui interagisce con un’unità flash.

Ciò significa che se un programma sul tuo computer sta solo leggendo un file e non sta effettivamente salvando alcuna informazione sull’unità, probabilmente non rovinerà troppo i file sulla chiavetta USB se la estrai all’improvviso.

Ma rischi di confondere il tuo computer, dice Remaker. “I sintomi potrebbero includere: dati persi, filesystem danneggiati, programmi in crash o computer sospesi che richiedono un riavvio.”

D’altra parte, se hai modificato o caricato nuove informazioni sul tuo disco ad un certo punto, non importa quanto tempo fa, le cose sono un po ‘più rischiose.

Questo perché i nostri sistemi operativi sono troppo efficienti per interrompere semplicemente ciò che stanno facendo e salvare le informazioni ogni volta che lo comunichi.

Invece, molti sono programmati per fare ciò che è noto come “scrivere nella cache”.

Ti piacerebbe anche:

L’intelligenza artificiale può leggere le tue emozioni