Home Uncategorized Gli studenti di musica fanno meglio rispetto ai non musicali

Gli studenti di musica fanno meglio rispetto ai non musicali

335
musica

Gli studenti delle scuole superiori che seguono corsi di musica ottengono risultati significativamente migliori in matematica, scienze e esami di inglese rispetto ai loro pari non musicali, secondo un nuovo studio pubblicato sul Journal of Educational Psychology.

“La nostra ricerca ha dimostrato che questa convinzione è sbagliata e ha scoperto che più gli studenti si impegnano con la musica, meglio sono in quelle materie”, ha detto il professore di educazione all’UBC e il principale ricercatore dello studio, Peter Gouzouasis.

I ricercatori hanno raccolto dati da oltre 100.000 studenti nelle scuole superiori pubbliche nella provincia della British Columbia, Canada.

Questo copriva tutti gli studenti che si sono laureati tra il 2012 e il 2015.

Più di 15.000 di loro stavano prendendo lezioni di musica durante il loro tempo al liceo.

Ti piacerebbe anche:

Il caffè potrebbe essere il segreto per combattere l’obesità?

Ricerche come questa sono già state fatte in passato, ma lo studio attuale è molto più ampio e tiene conto di altri fattori che potrebbero aver influito sui risultati.

“Gli studenti che hanno imparato a suonare uno strumento musicale in elementare e hanno continuato a suonare alle scuole superiori non solo hanno ottenuto punteggi significativamente più alti, ma sono stati circa un anno accademico in anticipo rispetto ai loro pari non musicali per quanto riguarda le loro abilità di inglese, matematica e scienze.

dai loro voti d’esame, indipendentemente dal loro background socioeconomico, etnia, apprendimento precedente in matematica e inglese e genere. “

Non solo gli studenti di musica facevano meglio dei non-musicisti, ma gli studenti che suonavano uno strumento facevano anche meglio di quelli che cantavano.

Questo potrebbe essere correlato al livello di coinvolgimento con la musica. “Imparare a suonare uno strumento musicale e suonare in un ensemble è molto impegnativo”, afferma Martin Guhn, uno dei ricercatori coinvolti nello studio.

“Uno studente deve imparare a leggere la notazione musicale, sviluppare la coordinazione occhio-mano-mente, sviluppare acuti capacità di ascolto, sviluppare abilità di squadra per suonare in un ensemble e sviluppare la disciplina da praticare”.